Tu sei qui

SBK, Aegerter mette le mani sul mondiale SSP600: vittoria perentoria a Jerez

Lo svizzero domina infliggendo distacchi pesantissimi a tutti. Sul podio Oettl e Tuuli, buona gara di Caricasulo che chiude 5°. In top ten anche De Rosa e Manzi, 7° e 9°

SBK: Aegerter mette le mani sul mondiale SSP600: vittoria perentoria a Jerez

Share


Dominique Aegerter ha sempre dimostrato di poter essere un pilota molto versatile, in grado di cimentarsi in sella a moto molto diverse fra loro. Ma oggi abbiamo avuto l'ennesima conferma di quanto la SuperSport 600 sia davvero la sua categoria, perché il dominio mostrato a Jerez non lascia davvero spazio a molte interpretazioni. Aegerter ha inflitto a Oettl, secondo al traguardo, oltre nove secondi di distacco mettendo in pratica una strategia perfetta sin dal primo giro. 

L'alfiere del Team Ten Kate ha mantenuto un passo semplicemente inavvicinabile per chiunque, costruendo giro dopo giro una gara perfetta che gli consente di portare il proprio vantaggio in classifica generale a quota +62 su Odendaal, autore di un errore verso metà gara che l'ha messo fuori dai giochi per il podio e probabilmente ha messo anche la parola fine alla sua rincorsa iridata. La matematica tiene ancora abbondantemente aperta la corsa per il titolo, ma pensando che Aegerter aveva anche rinunciato alla doppia gara di Barcellona per essere al via in MotoE a Misano è difficile immaginare che qualcuno possa batterlo. Lo svizzero quest'anno è davvero di un'altra categoria. 

Sul podio sale anche Niki Tuuli, autore di un'ottima rimonta in gara che gli ha permesso di battere uno spento Manuel Gonzales. Solo una brutta partenza ha messo fuori dai giochi Federico Caricasulo, che a Jerez aveva senza dubbio il passo per il podio, ma si è dovuto accontentare di un 5° posto dopo aver recuperato dalla nona posizione al termine del primo giro. Settima posizione per Raffaele De Rosa, sempre concreto con la Kawasaki di Orelac ed in grado di battere Odendaal. 

Ottimo debutto in gara in SSP600 per Stefano Manzi, che pur lottando con i senatori della categoria, è riuscito a chiudere in nona posizione dimostrando un ottimo potenziale in sella alla R6. Fuligni e Manfredi hanno chiuso rispettivamente in 14a e 17a posizione, mentre Leonardo Taccini ha tagliato il traguardo in 19a posizione. 

Questa la classifica della gara SuperSport 600 a Jerez:

Articoli che potrebbero interessarti