Tu sei qui

Verso la prova: Yamaha R7, la supersport per le nuove generazioni

Presentata in piena primavera, a giorni conosceremo la Yamaha R7, la sportiva giapponese che monta il motore CP2 della MT-07 e vuole portare i più giovani sui semimanubri

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Con la R7, Yamaha lancia la nuova generazione di supersportive e rinnova la gamma R-Series, che aveva visto il pensionamento della R6 per motivi di omologazione alla nuova normativa anti inquinamento Euro 5. La scelta di Iwata è stata quella di affidarsi a un motore conosciuto, non estremo ma affidabile. Tra pochi giorni saliremo in sella alla nuova Yamaha R7 e potremo dirvi com'è.

NUOVA SUPERSPORTIVA

La Yamaha R7 segna l'inizio di una nuova era per la gamma R-Series, quella delle moto sportive della casa nipponica. Che dire, il pensionamento della mitica R6 era prevedibile tanto quanto forte è stato lo shock per aver perso un pezzo della nostra storia (la sua produzione è partita nel 1999) e un modello iconico, per le sportive di media cilindrata. Yamaha non poteva però lasciare un vuoto nel mercato, e nel suo listino, con un buco tra la proposta di piccola cilindrata delle R125 e R3 e di grande cilindrata con le R1M e R1. La soluzione è stata quella di mutuare il motore biclindrico CP2 già in uso sulla naked MT-07 e sulla sport touerer Tracer 7.

La Yamaha R7 vuole offrire una combinazione tra le prestazioni esaltanti e la maneggevolezza e lo stile aggressivo della gamma R, il tutto a un prezzo competitivo. L'aspetto della R7 non tradisce, è quello delle sportive vere, ma sotto la sua carena il motore saprà dare le emozioni che si cercano tra i cordoli? Riprendere il nome già utilizzato a fine secolo scorso per un modello prodotto in serie limitata di 500 esemplari per ottenere l'omologazione per il World Superbike e la 8 ore di Suzuka basterà per affascinare il pubblico?

LA SUPERSPORTIVA PER LE NUOVE GENERAZIONI

Due mosse con un modello: con la R7, Yamaha non solo va a coprire un buco nella sua proposta commerciale ma rende un tributo alla superbike YZF-R7 realizzata in edizione limitata oltre 20 anni fa, e portata in pista da Noriyuki Haga e Wataru Yoshikawa. Oggi la R7 2021 è un nuovo modo di pensare alle Supersport, creata per attirare un pubblico più giovane e realizzata per far provare alle nuove generazioni di piloti il brivido, l'emozione e l'orgoglio del possesso di ogni R-Series. Con il motore CP2 la nuova R7 rende il mondo R una realtà più abbordabile per molti piloti più giovani che aspirano allo stile di vita Sportivo. L'unità bicilindrica ha riscosso un grande successo nel mercato, che lo ha apprezzato per l'erogazione corposa e lineare della coppia, oltre che per l'affidabilità e i bassi costi di esercizio.

NUOVO VESTITO

La R7 deriva insomma dalla naked MT-07 ma rivestita con una carena e equipaggiata con specifiche elevate che comprendono pinze radiali, forcella a steli rovesciati e frizione antisaltellamento. Il controllo e la maneggevolezza della moto non sono garantite solo dai numeri del motore, ma anche dal profilo compatto e atletico e dal peso in ordine di marcia di soli 188 kg, che non spaventa i piloti più bassi ed esili che possono godersi il divertimento in ogni situazione, dalla pista alla strada per l'uso quotidiano o nel fine settimana.

Il colpo d'occhio del frontale viene preso dal faro a LED centrale e dai due laterali stretti e lunghi che rendono l'aspetto della R7 aggressivo, degno della R-Series. Il compatto cruscotto con strumentazione LCD offre informazioni chiare e facili da recepire. Le caratteristiche comprendono l'indicatore di marcia nonché una spia del cambio e un indicatore del cambio elettronico QSS quando si utilizza questa funzionalità opzionale.

MOTORE CP2

Il motore è il bicilindrico CP2 da 689 cc raffreddato a liquido, che eroga una potenza massima di 73,4 CV (54 kW) a 8750 giri e una coppia massima di 67 Nm a 6.500 giri. Il propulsore rispetto alla versione originale gode di un setting dedicato che include una nuova ECU, condotti di aspirazione ottimizzati, design dello scarico rivisto ed una nuova regolazione dell'inezione del carburante. Inoltre, la R7 utilizza un rapporto di trasmissione leggermente più corto, per avere un carattere più sportivo e accelerazioni più intense.

Queste modifiche sono state realizzate con l'ottica di migliorare il controllo e fornire una risposta dell'acceleratore fluida e reattiva, regalando una piacevole esperienza di guida nel rispetto della normativa EU5. La frizione anti saltellamento è una caratteristica fondamentale della supersportiva Yamaha, perché consente un cambio più fluido e una guida più prevedibile e controllabile all'entrata in curva. Inoltre, la leva è più morbida di circa il 33% rispetto a una frizione standard.

Per i piloti che cercano il massimo della guida e della comodità, e vogliono limare di qualche decimo il tempo a giro, su richiesta è disponibile il cambio elettronico QSS (Quick Shift System) unidirezionale, che consente un innesto delle marce superiori più veloce e fluido.

CICLISTICA

La Yamaha R7 è una moto sportiva e le sue caratteristiche sono tali: snella e compatta per una guida fluida e pratica con cambi di direzione rapidi e svelti, grazie al telaio backbone con il corpo centrale in alluminio e una parte in acciaio ad alta resistenza per ottenere un bilanciamento ideale della rigidità. Il reparto sospensioni è composto da una forcella KYB a steli rovesciati da 41 mm e 90 mm di escursione, regolabile nel precarico, in estensione e smorzamento e un monoammortizzatore a leveraggio con caratteristiche di smorzamento e una costante elastica, pensato per adattarsi al carattere sportivo della moto. L'impianto frenante prevede un foppio disco anteriore da 298 mme un singolo posteriore da 245 mm con pinze e pompa radiali. Sui cerchi in lega a 10 razze da 17” sono montati pneumatici da 120/70 e 180/55.

COLORI, DISPONIBILITÀ E PREZZO

La nuova Yamaha R7 è disponibile in due nuove colorazioni, entrambe con motore e telaio finiti in tinta Crystal Graphite. Il primo colore è Icon Blue, che viene utilizzato sulle superfici superiori della e per i cerchi, mentre i lati della carena presentano una tinta in blu opaco più scuro a contrasto.
Il secondo è Yamaha Black, un nero lucido in contrasto con i dettagli e grafica minimalisti per un look ricercato ma dal carattere sobrio adatto a ogni situazione, dalla pista alla città. Le consegne ai concessionari Yamaha inizieranno a partire da ottobre 2021. Il prezzo della Yamaha R7 non è stato ancora comunicato.

PERSONALIZZAZIONE

Una moto come la R7 farà ingolosire gli amanti delle personalizzazioni e come per ttti i modelli a listino, anche per la nuova supersportiva, Yamaha ha previsto una serie di accessori originali GYTR per renderla più performante e aggressiva. La linea sport è destinata ai piloti che desiderano prestazioni extra e include un sistema di scarico in titanio Akrapovic oltre al cambio Quick Shift System. Per il pilota che oltre alla prestazioni è attento alla estetica, ci sono anche i componenti di design come porta targa, indicatori di direzione a LED , protezioni serbatoio oltre a una vasta gamma di articoli ricavati dal pieno come le pedane pilota e passeggero.

Articoli che potrebbero interessarti