Tu sei qui

MotoGP, Márquez: “la nuova Honda 2022 è buona nel concetto, ma bisogna lavorare"”

“Mi sono sentito bene sulla moto,  la cosa più importante è che siamo riusciti a lavorare per il futuro”. Espargaró: “La moto è nuova ma le sensazioni sono positive”.

MotoGP: Márquez: “la nuova Honda 2022 è buona nel concetto, ma bisogna lavorare"”

Share


È continuato anche oggi, a Misano, il lavoro in ottica 2022 della HRC: come nella giornata di ieri, Marc Márquez ha inizialmente lavorato con un prototipo in versione 2022 della RC213V, passando nel pomeriggio a quella del 2021 per proseguire il lavoro di sviluppo. Márquez ha chiuso la sua seconda giornata di test con un 1.32.151 ottenuto nel pomeriggio, a mezzo secondo dalla vetta della classifica.

“Ieri ci siamo concentrati tutto il giorno sulla moto prototipo, così come anche questa mattina, mentre nella prima parte del pomeriggio abbiamo lavorato più sulla moto di quest’anno, abbiamo provato delle cose sul telaio e abbiamo lavorato su altre idee – ha spiegato Márquez – Siamo contenti, è vero che lo dicono tutti nei test perché c’è molto grip in pista e tutti sono veloci, ma abbiamo lavorato su cose interessanti in questi due giorni. Rispetto al weekend di gara, nei giorni di test cambia tanto, sia a livello di rischi sia nel modo di guidare, c’è tanto grip e puoi aprire molto il gas, ma, a parte ciò, mi sono sentito bene sulla moto. La cosa più importante è che siamo riusciti a lavorare per il futuro, siamo contenti di quanto fatto. Il concetto generale della moto nuova è buono, ora andiamo ad Austin”.

Meglio di Márquez, a livello di classifica, ha fatto Pol Espargaró, che ha chiuso sesto con un 1.31.926 ottenuto nel finale della sua giornata. Polyccio si è alternato alla guida delle moto a sua disposizione per capire sia il comportamento della moto 2021 sia per indirizzare il lavoro della Honda in vista dei prossimi mesi. “Come spesso accade, durante i test, ci sono diversi up and down. Alla fine, abbiamo migliorato quelli che sono i nostri punti forti e credo che sia stato fatto un buon lavoro – ha commentato Pol – La moto sembra buona, ma bisogna comunque lavorare per crescere ancora di più. C’è ancora diverso tempo a disposizione, ci sono margini di miglioramento per arrivare a ottenere un ottimo pacchetto. Proprio ieri abbiamo iniziato a concentrarci sul 2022, cercando di essere più efficaci con la Honda in curva. Come ho già detto lo sviluppo non è semplice, dal momento che ci sono aspetti positivi e negativi. Questa è una moto completamente nuova, ci vorrà del tempo per lo sviluppo, ma le sensazioni riscontrate sono positive”.
 

Articoli che potrebbero interessarti