Tu sei qui

Benzina: ancora aumenti, ma potrebbe salire di nuovo

Prezzi alla pompa mai così alti dal 2014. L'aumento inciderà per circa 300 euro l'anno a famiglia

Auto - News: Benzina: ancora aumenti, ma potrebbe salire di nuovo

Share


Ci risiamo, nuovamente. La benzina è tornata a salire, talmente tanto che fare il pieno alla propria automobile non è mai stato così caro dal lontano 2014. Il Mite (Ministero della Transizione Ecologica), che ogni settimana effettua i rilevamenti, ha appurato che il prezzo medio delcarburante non è mai stato così alto fino da sette anni ad oggi. Parliamo di cifre importanti, che sicuramente faranno la differenza (in negativo...) nelle tasche degli italiani.

Benzina: ma quanto mi costi?

Vediamoli questi dati riportati dal Mite. In modalità self service, oggi siamo su una media di 1,670 euro al litro, ovvero 8,58 centesimi in più. Alla fine di ottobre 2014, la media era di 1,681 euro al litro. Il diesel? Anche questo in rialzo di 6,58 centesimi, per toccare 1,516 euro al litro (qui siamo sui livelli massimi di maggio 2019). La stima media di spesa a famiglia è di 338 euro in più l'anno per la verde e di 299 euro per il gasolio. Chiaramente, il petrolio è aumentato, solo nell'ultimo anno si è passati dai minimi di 18 dollari al barile del marzo 2020, ai 69,41 dollari di oggi, ma sopra ci vanno messe le varie tasse... Aggiungiamo tutto questo all'aumento dell'elettricità, e continuamo a dire che "ce la faremo...".

Unione dei consumatori: "Il Governo deve intervenire"

L'Unione Nazionale Consumatori, ha così dichiarato a Repubblica: "Bisogna che il Governo intervenga non solo su luce e gas, ma anche sul caro benzina, riducendo le accise sui carburanti. Altrimenti queste tre voci rischiano di far schizzare verso l'alto l'inflazione con ripercussioni sul potere d'acquisto delle famiglie e, di conseguenza, sui consumi". Rispetto al 21 settembre 2020 (benzina a 1,389 euro al litro e gasolio a 1,267 euro al litro), un pieno di carburante, stimato su 50 litri, costa 14 euro e 10 cent in più per la verde e 12 euro e 46 cent in più per il diesel. Si stima dunque un rialzo rispettivamente di 20,3% e di 19,7%.

Furio Truzzi, presidente di Assoutenti, Associazione no profit a tutela dei consumatori ha così dichiarato: "Gli effetti del caro-benzina per la collettività si fanno di giorno in giorno più pesanti, e solo per i rifornimenti di carburante le famiglie italiane devono mettere in conto una maxi-stangata complessiva pari a 8,2 miliardi di euro. Senza contare le conseguenze sulle tariffe luce e gas che rischiano di registrare aumenti record ad ottobre".

Articoli che potrebbero interessarti