Tu sei qui

Autostrade: cashback del pedaggio, come funziona

Il sistema prevede il rimborso del pedaggio autostradale in caso di ritardi per cantieri. Per ottenerlo è necessario utilizzare l'App Free To X, disponibile su tutti gli store per dispositivi Android e IOS

Auto - News: Autostrade: cashback del pedaggio, come funziona

Share


E' già attivo il servizio di cashback del pedaggio autostradale. Il piano strategico di trasformazione di Autostrade per l'Italia, sta via via cercando di modificare le cose, cercando di migliorare il servizio. Il cashback del pedaggio, è accessibile via app, applicazione che ha il nome di App Free To X, già disponibile su tutti gli store per dispositivi Android e IOS. Parliamo di una app gratutita, anche se in fase sperimentale fino al 31 dicembre 2021. E' poi interessante sapere che la cosa vale per ogni classe di veicolo, a prescindere se utilizziate un Telepass, contanti o paghiate con una carta di debito o credito.

Ministero delle Infrastrutture: l'ok, c'è

Naturalmente c'è stato l'ok del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili. L'Antitrust non l'ha ancora approvato, ma non dovrebbero esserci problemi. Da Autostrade per l’Italia fanno sapere che è solo l'inizio di nuovi servizi interattivi. Del resto, la cosa nasce dall'idea di offrire un servizio migliore, o quantomeno più corretto, visto che i cantieri rappresentano un rallentamento, quindi un "disservizio". Si chiama cashback perchè il termine è molto di moda, ma di fatto è un rimborso per disservizio, un po' come accadeva anni fa con i treni, che se arrivavano in ritardo aprivano la strada ad uno sconto sul costo del biglietto pagato. Oggi la cosa è molto più limitata e, forse, lo è proprio per la facilità e frequenza con cui chi viaggiava in treno poteva ottenere questa sorta di cashback.

Tornando ai pedaggi autostradali, i dati stimati per i prossimi cinque anni, vedono per Autostrade per l'Italia una spesa complessiva di 250 milioni di euro, che verranno restituiti di fatto agli automobilisti che sfrutteranno questa iniziativa. L'AD Roberto Tomasi ha fatto sapere che sono compresi ben 77 milioni destinati solo alla regione Liguria, dove la situazione cantieri al momento è particolarmente critica.

Cashback: come funziona

Cosa c'è da sapere su questo cashback? Beh, intanto che sarà erogato solo in caso di ritardi generati dai lavori in corso, ove le corsie disponibili sono state ridotte. Naturalmente, non è da considerarsi la corsia di emergenza. Il cashback sarà poi riconosciuto per itinerari con un ritardo a partire da 15 minuti, consentendo l’accesso a rimborsi dal 25% al 100% del pedaggio. Il sistema sarà in grado di calcolare il tempo effettivo di viaggio e la lunghezza del percorso effettuato, stimando dunque media ed eventuale rimborso.
Dove sarà valido? Su percorsi con ingresso ed uscita su rete Aspi; percorsi con ingresso su rete Aspi e uscita su altra concessionaria; percorsi con ingresso su altra concessionaria e uscita su rete Aspi; percorsi con ingresso e uscita su altra concessionaria, con attraversamento su rete Aspi. Chiaramente, sono eslusi i tratti non legati alle attività del concessionario. Non sono poi da ritenersi validi casi di traffico intenso, incidenti, eventi meteo, manifestazioni, o altri cause e motivazioni non legate al piano di lavori.

App di Free To X

Una volta scaricata l'app di Free To X, nella sezione Cashback, potrete ottenere un rimborso con le seguenti forme di pagamento: telepedaggio, carte di credito, carte di debito, Viacard e contanti. Per coloro che sfruttano il Telepass (qui un nostro articolo sullo sconto ottenibile con Telepass Family usato in moto) il tutto è sostanzialmente automatico. Basta scaricare e configurare l'app, inserendo i riferimenti relativi al dispositivo, per ricevere automaticamente la notifica del cashback, potendo anche controllare le tratte che non sono state ritenute rimborsabili. Per contanti o carte, sempre tramite l'app, si dovrà invece inviare la fotografia della ricevuta di pagamento ritirata al casello d'uscita. Gli accrediti partiranno da gennaio 2022. Come accennato, essendo una fase sperimentale, i rimborsi saranno prima accumulati nella sezione "borsellino". Il servizio è già attivo dallo scorso 15 settembre e l'app ha anche l'utilità di permettere di avere informazioni in tempo reale su viabilità e traffico.

Articoli che potrebbero interessarti