Tu sei qui

MotoGP, Vinales: "Non posso pensare ora di essere al livello di Aleix Espargarò"

“Ho solo bisogno di girare, imparare e trovare fiducia con l'Aprilia. Questo weekend sono convinto che potrò fare meglio rispetto ad Aragon"

MotoGP: Vinales: "Non posso pensare ora di essere al livello di Aleix Espargarò"

Share


Maverick Vinales ritrova Misano, ovvero la pista dove due settimane fa ha debuttato nei test in sella all’Aprilia. Dopo il GP di Aragon questo sarà il secondo appuntamento ufficiale per lo spagnolo con la RS-GP in un Gran Premio.

Da parte sua non manca la curiosità per capire quello che sarà il suo livello di competitività, ma al tempo stesso si aspetta un passo avanti rispetto a quanto mostrato precedentemente al Motorlan. Ricordiamo infatti che in quell’occasione chiuse 18° a 27 secondi dalla vetta.

Affronterò questo round come fatto ad Aragon – ha commentato - sono consapevole di quale sia la situazione e dove migliorare. Alla fine questo è il percorso che dovrò seguire per migliorare e arrivare davanti con i migliori, cercando di trovare fiducia e accumulare sempre più esperienza. Personalmente mi trovo bene sulla moto e voglio cercare di imparare e migliorare, dato che questo è il mio compito e quanto Aprilia si aspetta da me”.

Misano è una pista dove Maverick ha già girato con la RS-GP, di conseguenza l’esame potrebbe essere meno complicato in confronto al Motorland.  

“Penso che sarò un po’ più vicino agli altri piloti qua a Misano e ogni weekend potrò fare meglio con l’Aprilia. Lunedì avremo poi i test e potremo macinare ulteriori chilometri. Sarà un test interessante e importante, anche se in questo momento non ho bisogno di provare tante cose, dato che il rischio è poi sbagliare. Mi devo infatti concentrare su quello che ho, in modo da capire e adattarmi al meglio alla RS-GP.   Ad Aragon, la scorsa settimana, ho cercato di correre in modo conservativo, mentre qua farò in modo di spingere di più se ci sarà la possibilità. Come detto devo imparare, rimanere calmo e continuare a lavorare. Questo è il mio compito”.

Il round della Riviera è come se fosse il GP di casa per Aprilia e allora l’attesa è grande.

“Per me sarà una gara come tutte le altre. Ovviamente per la Casa sarà speciale, con l’obiettivo di ottenere un bel risultato. La pista? Non credo ci sia una determinata area su cui concentrarci per migliorare. In questo momento ho solo bisogno di percorrere il maggior numero di giri e capire le sensazioni”.

In Riviera il punto da cui ripartire è il weekend del Motorland.

“Ho concluso il round di Aragon in crescita, in maniera completamente diversa rispetto a come l’avevo iniziato. Cito ad esempio la posizione in sella alla moto. Sono partito seguendo una direzione e poi sono arrivato imboccando un’altra strada”.

L’ultima considerazione è invece per il compagno.

“Che dire di Aleix. Sta guidando la moto in modo fantastico e lo vedete tutti il suo livello di fiducia. In questo momento è complicato stare davanti a lui e non credo sia nemmeno realista pensare a una cosa del genere. La mia priorità è semplicemente quella di avere fiducia, guidare e accumulare esperienza. Non devo avere la frenesia di fare passi avanti velocemente, perché poi il rischio è quello di sbagliare e dover tornare indietro”.  

Articoli che potrebbero interessarti