Tu sei qui

MotoGP, Rins: "sbaglio le frenate, deluso per il risultato, e non è colpa della moto"

"Il ventesimo posto non era quello che mi aspettavo, ho avuto problemi con le traiettorie in curva uno, non riesco a chiudere la frenata dove voglio e questo finisce per rovinare le traiettorie in tutte le curve seguenti"

MotoGP: Rins: "sbaglio le frenate, deluso per il risultato, e non è colpa della moto"

Share


Sono state qualifiche da dimenticare, quelle di oggi per Alex Rins. Il pilota della Suzuki ha infatti manctoa la Q2 e ha chiuso ventesimo. O se preferite terzultimo. Domani lo spagnolo partirà in fondo alla griglia sullo stesso tracciato di Aragon che lo vide due volte sul podio, da vincitore e secondo, nella scorsa stagione.

"Il ventesimo posto non era quello che mi aspettavo - ci racconta evidentemente deluso il giovane pilota spagnolo - ho avuto molta difficoltà a mantenere le traiettorie, sopratutto in curva uno dove non riuscivo a chiudere la frenata dove volevo e questo finiva per rovinare le traiettorie in tutte le curve seguenti. In termini di passo gara abbiamo chiuso le FP4 con una morbida e la velocità è buona, ma non sarà facile domani partendo così indietro sulla griglia. Abbiamo anche provato la mescola dura sul posteriore ma il feeling non è quello giusto, quindi probabilmente useremo comunque la morbida domani, ma dipenderà molto anche dalle temperature".

Quanto ha influito questa temperatura anomala sul risultato di oggi rispetto all'anno scorso?
"Non saprei, sicuramente la temperatura potrebbe aver avuto qualche effetto ma non penso sia la causa principale del mio problema in frenata sull'anteriore".

Il dispositivo sembra anche influire pesantemente sul consumo delle gomme, questo potrebbe cambiare la vostra strategia per la gara di domani, lo utilizzerete lo stesso?
"Rispetto al tracciato austriaco qui si esce dal rettilineo senza angolazione, il che è un bene per il consumo della gomma, quindi si lo useremo, ed io personalmente mi ci trovo bene, nonostante il problema in frenata".

Ieri dopo le FP2 hai detto che fare bene in qualifica sarebbe valso metà gara. Dopo il risultato di oggi, anche alla luce dei tuoi passati risultati su questo tracciato, qual'è il tuo pensiero?
"Il problema che ho riscontrato oggi è che sbagliando la frenata in curva 1 mi sono trovato costretto a rivedere le traiettorie nelle curve successive per cercare di recuperare, ma già quella frenata sbagliata mi pesava di almeno un secondo, e non è poco a questi livelli".

Pensi che alla luce di questa qualifica, non eccelsa neanche per il tuo compagno di box Joan Mir, la Suzuki debba fare qualcosa in più per colmare la distanza tra la vostra moto e quelle delle case rivali?
"Non mi sento di incolpare la moto, nelle FP3 avevo un passo migliore che in qualifica, e sicuramente il problema della frenata è in larga parte colpa mia. Ciò che conta ora è guardare alla gara di domani perché dovrò recuperare molte posizioni, non sarà una gara facile".

Articoli che potrebbero interessarti