Tu sei qui

MotoGP, Rossi: "Anche Aragon mette a dura prova la gomma posteriore"

Valentino aveva dovuto saltare i 2 GP al Motorland lo scorso anno: "bisogna essere fluidi per essere veloci a fine  gara ". Al suo fianco avrà ancora Jake Dixon

MotoGP: Rossi: "Anche Aragon mette a dura prova la gomma posteriore"

Share


Per il team Petronas inizia un altro fine settimana e nel box, come a Silverstone, accanto a Valentino Rossi ci sarà Jake Dixon. Il Dottore tornerà ad Aragon dopo due anni perché nella scorsa stagione non aveva corso i due GP al Motorland dopo avere contratto il Covid.

Valentino arriva da un buon weekend inglese, in cui era stato competitivo sia in prova che in qualifica, ma poi in gara le cose si erano messe male a causa dei problemi con la gomma posteriore ed era finito fuori dalla zona punti.

“Mi ero sentito bene in moto per tutto il Gran Premio, soprattutto perché nelle prove libere avevo avuto uno dei migliori ritmi di tutta la stagione - ricorda - Avevo anche avuto un buon inizio di gara, ero in un posto dove potevo lottare con i piloti più veloci. Sono fiducioso di potere avere le stesse sensazioni questo fine settimana, ma Aragon può essere davvero esigente in termini di livello di grip durante tutta la gara, soprattutto per quanto riguarda il posteriore.

Il Motorland è una delle poche piste in cui Valentino non ha mai vinto.

Anche se sono stato sul podio un paio di volte, non ho mai vinto lì. Il disegno del circuito è bello e veloce, ma guidare è difficile: devi essere particolarmente fluido per essere forte a fine gara. Vedremo cosa succederà, non vedo l'ora di tornarci dopo essermela persa l'anno scorso”.

Per Jake Dixon sarà un altro fine settimana da ricordare. Dopo avere debuttato in MotoGP a Silverstone senza nemmeno potere fare un test, ora sa cosa aspettarsi. Per il britannico l’unico obiettivo è migliorare e divertirsi sfruttando questa sula ultima occasione sulla M1.

Non vedo l'ora che arrivi Aragon questo fine settimana, avere un'altra possibilità di guidare di nuovo la Yamaha YZR-M1 è semplicemente fantastico - dice contento - Mi ha reso davvero felice. Voglio ringraziare la squadra per avermi dato l'opportunità di guidare di nuovo la moto e vedere cosa posso fare. Voglio capire come posso migliorare durante il fine settimana e cercare di colmare il divario con i primi. Ovviamente loro sono i migliori del mondo, ma io ho una grande squadra intorno a me e penso che sia possibile. Sento che sto lavorando bene sulla moto e penso che faremo un altro passo avanti questo fine settimana”.

Articoli che potrebbero interessarti