Tu sei qui

SBK, Bautista: “Questo è il nostro massimo. Con Honda ottimo rapporto”

“Oggi ho avvertito meno le difficoltà che mi stanno accompagnando quest’anno e ho avuto le sensazioni migliori della stagione fino ad ora. Honda mi sta supportando al 100% e per loro sto dando il massimo”.

SBK: Bautista: “Questo è il nostro massimo. Con Honda ottimo rapporto”

Share


Con il sesto posto di gara-2, Alvaro Bautista può considerare positiva la chiusura del suo weekend in Francia. Già dopo la grande rimonta messa in mostra nella Superpole Race, con il 7° posto finale dopo la partenza dalla casella numero 14, Bau Bau ha recuperato una posizione e ha lottato per tutta la gara per il 4° posto battagliando nel gruppo con Locatelli e Davies. Alla fine, Bautista si è dovuto accontentare ma la sesta posizione regala buone sensazioni allo spagnolo. “Adesso questo è il nostro massimo, oggi eravamo vicini alla top-5. Nella Superpole Race ho recuperato 7 posizioni ma, come ho detto al mio team, poter puntare al podio dopo aver chiuso 7° al mattino, quando sono partito 14°, non era possibile. Per la gara ho cercato di essere costante, oggi è vero che abbiamo fatto dei cambi di setup e sinceramente ho avuto sensazioni migliori rispetto a ieri”, ha raccontato Bautista. “Con condizioni più fresche, al mattino, sono riuscito ad essere più veloce rispetto ad altre occasioni, e anche in gara-2 con condizioni di caldo sono stato più costante. Ho avvertito meno le difficoltà che mi stanno accompagnando quest’anno, anche con l’elettronica oggi abbiamo lavorato bene, anche qui rispetto a ieri abbiamo fatto delle modifiche e per me è stato più semplice guidare. Oggi ho avuto le sensazioni migliori della stagione sinora, è una cosa positiva ma anche con le sensazioni migliori e al massimo della forma possiamo chiudere al massimo al sesto o al quinto posto. Non è abbastanza, vorremmo di più, ma sono felice, stiamo ottenendo il massimo e ora dobbiamo migliorare la moto per fare uno step ulteriore”.

Abbiamo visto più ingegneri giapponesi qui nel weekend, giusto? Vi aiuta la loro presenza o stanno impostando la base per il lavoro futuro?
“Sì, sono venuti ad Aragón e ad Estoril, ma sono rientrati poi in Giappone per il Covid e sono tornati qua. In ogni appuntamento siamo in contatto con loro, c’è una telecamera nel truck collegata live con il Giappone per avere riunioni. Per me è importante averli nel box, possono vedere e aiutare il pilota e poi per loro significa avere più dati per il futuro. Per il Covid abbiamo fatto dei GP senza di loro, detto che loro sulla moto nei weekend di gara non fanno niente, raccolgono solo le informazioni e le passano agli ingegneri in Giappone”.

So che avrai un test la prossima settimana in Spagna, che cosa ti aspetti? Abbiamo anche visto Kuwata qui, hai avuto modo di parlare con lui sulla situazione attuale?
“Gireremo due giorni a Jerez per provare nuove cose che ci darà la HRC, sarà importante per il futuro e per lo sviluppo della moto, ma non so se saranno cose pronte all’uso per le prossime gare. Sicuramente le prossime piste dove correremo, Barcellona, Jerez e Portimao, mi piacciono e in passato sono andato forte, spero di essere più vicino alla vetta rispetto alle ultime gare. Con Honda il rapporto è buono, con Kuwata parlo tanto, lui c’era anche a Navarra e insieme stiamo spingendo affinché possa ottenere buoni risultati prima di andare via. Mi supportano al 100% e per loro sto dando il massimo. Loro sanno che devono lavorare e sanno quali sono i problemi, posso solo dire cose buone di loro, non posso dire che non ci stanno provando. Sono felice e con loro ho un bel rapporto”.

Puoi dirci la tua sul duello tra Jonathan e Toprak?
“È bello, sarebbe fantastico essere con loro, penso che Jonathan abbia più esperienza, lui dà il massimo senza commettere errori. Ne ha fatti quest’anno, ma perché non si aspettava di avere un Toprak così consistente e così forte. Ora sa che Toprak può vincere e sta dando il massimo. Qui Toprak è andato sempre molto bene in passato, vediamo, ma è molto bello. Sinceramente non so chi vincerà”.


 

Articoli che potrebbero interessarti