Tu sei qui

Marini: "A Silverstone comprendi il vero potenziale di una MotoGP"

"Avevo il potenziale per entrare nei primi dieci, ma non sono riuscito a sorpassare Alex Marquez. Silverstone mi piace un sacco,". Bastainini: "La Q2 è vicina, ottime sensazioni con la media e soft al posteriore"

MotoGP: Marini: "A Silverstone comprendi il vero potenziale di una MotoGP"

Share


Di rientro nel calendario dopo l’assenza forzata della passata stagione causa emergenza COVID-19, Silverstone ha accolto nuovamente i protagonisti del Motomondiale. All’esordio nella master class, Luca Marini si è detto ampiamente soddisfatto delle prime impressioni avute nel venerdì di prove libere, un impianto che mette in mostra la potenza dei “bolidi” quali la Desmosedici attraverso le proprie prerogative.

“Questo tracciato è fantastico, mi piace, riesci a comprendere il vero potenziale di una MotoGP. Solitamente non mi piaceva molto ai tempi della Moto2, oggi, invece, mi sono divertito. Il livello del grip è scarso, le temperature basse, in ogni caso ho cercato di comprendere le linee ideali da percorrere, mentre nel pomeriggio ho spinto per cercare il tempo sul giro. Avevo il potenziale per stare in top-10, però non sono riuscito a sorpassare Alex Marquez che stava accusando qualche problema sulla sua moto. Penso che domani andrà meglio”.

Il portacolori SKY VR46 Avintia ha terminato in una 17esima posizione da prendere con le pinze in virtù di quanto detto in precedenza, staccato di un secondo dal decimo posto del fratello Valentino Rossi, con cui ha effettuato qualche passaggio insieme lungo la giornata. 

Sarebbe eccezionale entrare in Q2, oltretutto in una pista non propriamente favorevole come Silverstone, tuttavia, ci sono diversi piloti in grado di spuntarla. È difficile portare nel giusto range di lavoro la gomma posteriore per via del forte freddo, in tal senso spero che la maggiore gommatura ci possa aiutare, così come la presenza di meno nuvoloni in cielo. Ho completato giusto un giro dietro di lui, ho potuto notare nello specifico le differenze tra Yamaha e Ducati”, ha concluso.

Bastianini: "La top-10 è vicina"

Reduce dallo sfortunato epilogo del Gran Premio d’Austria, Enea Bastianini vuole dimenticare in fretta quanto accaduto e quest’oggi ha dato seguito alle buone sensazioni delle recenti uscite, portando a casa la 12esima posizione, staccato di appena di due decimi da Valentino Rossi, ovvero colui che occupa l’ultimo posto utile per accedere al decisivo Q2.

Nel complesso è stata una giornata positiva, anche se il tipico clima inglese ha influito sul nostro operato. Sono felice di essere tornato a Silverstone a tre anni di distanza dall’ultima volta - ha dichiarato - questa mattina abbiamo cominciato col piede giusto, compiendo numerosi passaggi per affinare il set up e prendere di nuovo confidenza con la pista”.

Al contempo, l’alfiere Avintia Esponsorama si è portato avanti con il programma di lavoro in vista di domenica, dove le condizioni climatiche rivestiranno un ruolo cruciale sulle strategie.

“Nel pomeriggio ho provato la specifica hard, senza successo. Con la media al posteriore le cose sono migliorate, ho avuto ottime sensazioni pure con la soft. La top-10 non è troppo distante, penso di poter dire la mia domani. Dobbiamo proseguire su questa strada”.

Articoli che potrebbero interessarti