Tu sei qui

MotoGP, Rossi, il ritiro: "i piloti del passato ci mettevano più cuore e passione"

"Non volevo ritirarmi mentre ero al top per non avere rimpianti, ma adesso sono tranquillo perché l'ultimo anno è stato difficile. Mi diverto meno, ma cercherò di reggere fino alla fine"

MotoGP: Rossi, il ritiro: "i piloti del passato ci mettevano più cuore e passione"

Share


Valentino Rossi si prepara ad affrontare le ultime gare della sua lunghissima carriera in MotoGP e lo fa senza rimpianti. In una intervista rilasciata a MotoGP.com, Rossi ha parlato a fondo della propria decisione spiegando anche quanto sia cambaiat la vita dei piloti rispetto agli inizi della sua carriera. 

Il Dottore ha sempre affrontato la vita da pilota con il sorriso, con quella leggerezza che ha fatto innamorare tifosi da tutto il mondo tanto da rendere il giallo il colore dominante sugli spalti dei tracciati sparsi in giro per il globo, ma adesso è semplicemente giunto il momento di fermarsi e si può di certo dire che lo stia facendo senza rimpianti di sorta. Valentino ha confermato che avrebbe voluto continuare a correre anche per altre venti stagioni, ma la realtà è ben diversa e sembra ormai pronta ad accoglierla con il sorriso. 

"Ho imparato da mio padre che non devi prendere la vita, lo sport e i risultati troppo sul serio - ha detto Rossi -  perché non fa la differenza, non serve per andare più forte oppure ottenere risultati migliori. Devi lavorare duramente ma devi sempre cercare di divertirti e penso sia stato questo il segreto per avere una carriera così lunga. Fuori dalla MotoGP ho una vita normale, ho tanti amici veri e penso che sia per questo se ho resistito 26 anni qui". 

Decidere di fermarsi non è stato facile, ma è stata una decisione presa nel momento giusto. 
"Mi sento bene, è stata la scelta giusta. Dall’altra parte non sono felice perché avrei voluto correre per altre 20 stagioni ma non può andare così. Ho deciso per i risultati, perché ti diverti se vinci. Non parlo solo di me, è così per tutti. Sfortunatamente nell’ultimo anno per tutta una serie di ragioni non sono abbastanza forte e veloce per lottare per il podio e le vittorie. Il livello dei piloti è sempre più alto e quando sei più vecchio devi allenarti sempre di più. Di certo mi diverto molto meno adesso, ma ho cercato di reggere fino alla fine".

Rossi: "Non volevo fermarmi mentre ero al top per non avere rimpianti"

Rossi ha anche spiegato come mai non abbia scelto di ritirarsi mentre era ancora vincente. 
"Non volevo fermarmi mentre ero al top, non volevo avere rimpianti. Per questa ragione sono felice e calmo, perché so di essere stato al top per molto tempo. Adesso devo solo restare concentrato per la seconda parte della stagione, voglio cercare di fare meglio di quanto fatto fino ad ora, fare punti importanti e magari qualche buon risultato". 
 

Tutti sono concordi sul fatto che Rossi rappresenti l'anima della MotoGP moderna, ma è lo stesso Valentino a chiarire quanto questo campionato abbia da offrire anche senza di lui in pista. 
"La MotoGP esisteva prima di Valentino Rossi e ci sarà ancora dopo di me. Negli ultimi anni il livello è aumentato molto. Prima i piloti di moto ci mettevano più cuore e passione. Adesso anche i più giovani sono seguiti da organizzazioni come la nostra Academy, che aiuta i piloti a migliorare".

Proprio l'Academy era iniziata quasi per gioco, salvo poi diventare qualcosa di completamente diverso. 
"E’ sempre divertente ma adesso è un vero lavoro. Abbiamo iniziato con mio fratello, con Morbidellli, Migno. Poi abbiamo fatto il team in Moto3 e poi in Moto2. La squadra in MotoGP è l’ultimo gradino della scala ed è tutto più grande e difficile. Ma penso che siamo pronti, abbiamo un’ottima squadra. Alla fine l’abbiamo fatto per i nostri piloti, per continuare a seguirli anche in MotoGP".

Senza Rossi in pista, c'è il rischio che i tifosi italiani perdano interesse nella MotoGP. Per Rossi non sarà così. 
"I tifosi italiani sono a posto per il futuro, sono in buone mani. Continueranno a seguire la MotoGP anche senza di me". 

Valentino ha anche espresso un desiderio che desidera realizzare prima di Valencia. 
"Se devo esprimere un desiderio, vorrei ottenere un ultimo podio prima di Valencia". 

Articoli che potrebbero interessarti