Tu sei qui

Brixton 1200: la anti-Bonneville è quasi pronta

Per la modern-classic bicilindrica arrivano nuovi disegni relativi ai brevetti d’omologazione e vengono svelati altri dettagli

Moto - News: Brixton 1200: la anti-Bonneville è quasi pronta

Share


Il segmento delle modern-classic di grande cilindrata presto dovrebbe trovare una nuova rappresentante: è la Brixton 1200, che ormai da anni è al centro dei rumors ma ora sarebbe in dirittura d’arrivo verso il debutto sul mercato.

Ok, la cilindrata è giusta!

Se infatti è vero che nel centro di sviluppo di KSR, gruppo che possiede anche Motron, Lambretta e Malaguti, questa modern-classic è in via di definizione da almeno un paio d’anni, è altrettanto vero che finora non si aveva certezza su nessun dettaglio. A sciogliere i dubbi quantomeno sulla cilindrata del propulsore arrivano i disegni relativi alla copertura dell’impianto di iniezione, sottoposti a richiesta di brevetto: si vede distintamente la cifra “1200” sul fianco, che ci permette di stabilire senza timore di smentita che sarà quella la cilindrata della modern-classic austriaca.

Anche l’occhio vuole la sua parte

Un altro dettaglio che viene svelato dai disegni recentemente depositati è la posizione del catalizzatore: si trova infatti tra la coppa dell’olio e la parte anteriore del propulsore, che in questo modo diventerebbe meno ingombrante e soprattutto più nascosto rispetto alla sua posizione classica

L’anti-Bonnie

Altri dettagli ormai noti riguardo la moto riguardano il bicilindrico frontemarcia che sarà prodotto da Gaokin in Cina su specifiche e progetto Brixton, il telaio a doppia culla con doppio ammortizzatore posteriore, come spesso si ritrova in questo genere di moto, la presenza di cerchi a raggi. Se uniamo a queste informazioni la presenza di gruppi ottici dal look classico, le alette che simulano ul raffreddamento ad aria sul motore, gli scarichi che puntano verso l’esterno è facile capire quale sia l’avversaria designata per la Brixton 1200: naturalmente la Triumph Bonneville 1200. Il prezzo probabilmente le darà qualche chance di far innamorare gli appassionati del vintage, per il blasone invece il tempo farà il suo corso.

Articoli che potrebbero interessarti