Tu sei qui

MotoGP, Brad Binder: "L'ultimo giro? Non ho corso, sono sopravvissuto"

"Quando ho tagliato il traguardo ho provato sollievo. Con i freni e le gomme freddi era difficile anche solo stare in pista, ma oggi l'azzardo ha funzionato"

MotoGP: Brad Binder: "L'ultimo giro? Non ho corso, sono sopravvissuto"

Share


Ci sono dei giorni in cui ti si apre un bivio davanti e devi scegliere la giusta direzione da prendere. A volte serve fortuna, ma anche molto coraggio e, nel caso di Brad Binder oggi, una robusta dose di pazzia. Rimanere in pista sotto un’acquazzone con le slick è un esercizio di equilibrismo, ma se riesci a completarlo puoi vincere. Lo ha dimostrato il sudafricano di KTM.

Nell’ultimo giro non è stato questione di correre, ma di sopravvivere” ha iniziato il suo racconto, ricco di risate perché anche lui deve esorcizzare tutti i rischi presi.

E dire che la sua gara non era iniziata nel migliore dei modi. Anzi.

Tutto quello che volevo ieri sera era un podio per oggi, perché mi mancava da tanto tempo - esattamente da un anno, dalla vittoria a Brno - Peccato che prima della pioggia stessi facendo una gara orrenda, la gomma posteriore scivola da tutte le parti in frenata. Quando ho visto le prime gocce ho capito di avere un’opportunità per recuperare il gruppo di testa”.

Cosa riuscita alla perfezione, ma poi è iniziato a piovere davvero.

Gli altri piloti sono rientrati al box per cambiare modo e io ho perso quel momento - ha spiegato - A quel punto mancavano 4 giri, mi era sembrata una buona idea rimanere in pista e lo è stata all’inizio, ma negli ultimi due giri… avevo freni e gomme fredde, non riuscivo neanche a fermarmi. Era difficile anche solo rimanere in pista, ma a volte devi prenderti un azzardo, e questo era il GP di casa di KTM, ha funzionato”.

Questo non significa che sia stata una passeggiata.

Ho semplicemente cervato di fare il meglio che potevo, alla curva 3 mi sono trovato con lo sterzo chiuso mentre pestavo sul pedale del freno posteriore. Da un momento all’altro mi aspettavo che qualcuno mi avrebbe passato e, sinceramente, quando ho tagliato il traguardo è stato un sollievo” ha ammesso.

Qualche volta è uscito nelle vie di fuga e si è preso anche 3 secondi di penalità per questo.

Non è che volessi andare sul verde, ma o tiravo dritto o cadevo: penso di avere preso la decisine giusta - ha scherzato - Alla fine credo di avere allungato di un po’ il giro, ma a ogni curva ero senza freni e vedevo la ruota posteriore al mio fianco".

Questa vittoria ha un significato particolare per Binder, perché dopo la prima dello scorso anno erano iniziati i problemi e il confronto con Oliveira non migliorava le cose.

La prima vittoria è sempre speciale, era arrivata molto in fretta per me, ma ottenere questa seconda è stata una grande sfida - ha affermato - Nelle ultime gare avevo capito che la nostra moto ha un grande potenziale e che dovevo lavorare su di me. Vedere il tuo compagno che va forte da un certo punto di vista rende le cose più facile, perché può insegnarti molto”.

Articoli che potrebbero interessarti