Tu sei qui

MotoGP, Jorge Martin: "Inizio a a sentire la pressione delle aspettative"

"comincio a sentire la pressione delle aspettative, ma so di essere ancora un rookie e di avere ancora molto da imparare. Finire tra i primi cinque domani sarebbe già un risultato fantastico"

MotoGP: Jorge Martin: "Inizio a a sentire la pressione delle aspettative"

Share


Jorge Martin, la giovane promessa del team Pramac, ha centrato nuovamente il risultato chiudendo le qualifiche con la pole, esattamente come la scorsa settimana. E' la sua terza pole stagionale. Ad affiancarlo in prima fila domani ci saranno l'attuale leader del mondiale Quartararo e il suo compagno di marca Pecco Bagnaia.

Una qualifica sofferta ma meritata quella di oggi, dopo una caduta nelle FP3 in curva dieci che ti ha anche costretto al passaggio in Q1.
"Si è stata una giornata difficile, nonostante stessi usando lo stesso Setup della moto della settimana scorsa (in cui ha vinto ndr), oggi non riuscivo ad avere un buon feeling, la moto era molto instabile ed in fase di accelerazione avevo problemi di aderenza. Forse ho spinto troppo nelle FP3 così, dopo la caduta, nella FP4 ho perso un po di sicurezza, ma dopo alcune modifiche alla moto e con le gomme usate ho ritrovato il giusto feeling che mi serviva. Il team ha lavorato bene e duramente, specialmente dovendo sistemare la moto per ben due volte dopo le cadute. In Q1 ero molto nervoso, le temperature erano molto diverse rispetto a quelle delle prove libere, ma sono riuscito nuovamente a fare la pole. Sto vivendo un sogno e spero di poter competere per il podio nella gara di domani".

Stando alle statistiche, nel 23% delle gare a cui hai partecipato, sei riuscito a finire in pole, è incredibile. Pensi di riuscire a ripetere il successo dello scorso weekend nella gara di domani?
"Sicuramente comincio a sentire la pressione delle aspettative, nessuno parla d'altro in questo momento, ma la verità è che so di essere ancora un rookie e di avere ancora molto da imparare. Finire tra i primi cinque domani sarebbe già un risultato fantastico, corro con piloti con molta più esperienza sulle spalle, sarà divertente, spero di poter fare bene".

Nello scorso weekend dicesti che il tuo miglior giro non era ancora il giro "perfetto", pensi che questa volta tu ce l'abbia fatta?
"Non credo, si può sempre migliorare - risponde ridendo 'Martinator' - penso di essermi accontentato oggi per paura di cadere di nuovo, chissà magari nella prossima gara".

E' la tua terza pole in sette gare in motoGP, qual'è la tua preferita?
"Questa senza dubbio, penso di aver spinto la moto davvero al limite".

Hai detto di avere ancora bisogno di imparare molto, senti di aver imparato qualcosa in queste due settimane qui in Austria?
"Probabilmente saper gestire la potenza di queste moto e dove utilizzarla, ma ho anche affinato la mia conoscenza dell'elettronica, che ad inizio anno mi aveva dato dei problemi".

Articoli che potrebbero interessarti