Tu sei qui

MotoGP, Bagnaia: “Michelin ha chiesto scusa, ma ora c'è un nuovo GP all'orizzonte"

“Taramasso mi ha chiesto scusa, comunque hanno portato una gomma simmetrica che mi aiuta molto in frenata. Vinales? Se l’hanno sospeso è perché ha combinato qualcosa di grosso"

MotoGP: Bagnaia: “Michelin ha chiesto scusa, ma ora c'è un nuovo GP all'orizzonte"

Share


L’amarezza resta, dal momento che domenica scorsa Pecco Bagnaia si aspettava ben altro risultato, invece è stato costretto a incassare il colpo. Da parte del pilota piemontese c’è quindi voglia di voltare pagina questo weekend, consapevole del fatto che il Red Bull Ring sembra essere stato disegnato su misura per la sua Ducati.

Chissà mai che il doppio appuntamento sia l’occasione giusta per piazzare il colpo vincente e centrare quel successo a lungo inseguito in MotoGP.

“Il piano è ripartire da quanto fatto settimana scorsa, dove sono stato uno dei più  competitivi in pista – ha detto l’alfiere Ducati – il problema è stata però la seconda gomma. Nel momento in cui l’abbiamo montata non ha espresso quella fiducia e quella competitività che mi aspettavo, di conseguenza non è andata nel verso giusto. So comunque che Michelin ha portato una gomma simmetrica questo fine settimana e la preferisco, dato che mi aiuta molto in frenata, offre grande sostegno e mi piace. A parte ciò, riguardando quanto accaduto quattro giorni fa, rifarei la stessa strategia”.  

Sul tema Michelin il piemontese viene incalzato.
“La Michelin ci ha spiegato le proprie ragioni, parlandone con il team, mentre noi ne abbiamo altre. Taramasso mi ha comunque chiesto scusa, dicendomi che faranno di tutto affinché non succeda più. A me comunque non interessa il discorso legato alla ragione, dato che riguarda una gara passata e ora c’è un nuovo GP all’orizzonte”.

In seguito l’attenzione si sposta sul tema Vinales, sospeso dalla Yamaha.
“Non voglio esprimere un giudizio, dato che aspetterò di sentire e capire bene quanto accaduto. Come ben sappiamo a volte le parole dei piloti vengono mal interpretate da parte  dei media. Se Yamaha ha deciso di sospendere Maverick è perché ha fatto qualcosa di veramente grosso”.

A tal proposito viene domandato se Ducati penserà di cambiare strategia con Yamaha che si ritroverà il solo Quartararo in pista.
“Non credo che opteremo per il gioco di squadra, penso sia difficile. Credo che faremo in modo di arrivare tutti davanti”.

La conclusione è invece per i messaggi dashboard.
“Che dire, meno messaggi ci sono sul dashboard, meglio è. A parte questo so che ne abbiamo parlato a lungo in safety commission e questa novità potrebbe aiutare. Il fatto che è lo scorso weekend, quando sono andato sul verde, non mi è arrivata alcuna comunicazione. Su questo bisogna lavorarci”.

 

Articoli che potrebbero interessarti