Tu sei qui

MotoGP, Marquez: "ho sbagliato con Espargarò, ho pensato che non chiudesse la curva"

"Sono cose che succedono durante una gara, la prima volta un mio errore di valutazione, ma nella seconda io mi ero già inserito. La spalla mi fa ancora male, ma il problema è stata l'aderenza della gomma posteriore"

MotoGP: Marquez: "ho sbagliato con Espargarò, ho pensato che non chiudesse la curva"

Share


Marquez dopo una buona prima partenza, poi interrotta dall'incidente che ha coinvolto la moto di Pedrosa e Savadori, non è riuscito a trovare la giusta confidenza con la sua Honda e ha chiuso la gara in ottava posizione, dietro alla Suzuki di Alex Rins. Dovendo poi subire anche le critiche di Aleix Espargarò per un contatto nella concitata fase della partenza.

"Sono cose che succedono, i contatti in gara sono frequenti, sopratutto dopo una partenza quando si arriva tutti vicini in ingresso di curva - ha spiegato l'8 volte iridato -  E' successo anche a me con Mir, semplicemente ho pensato che Aleix non potesse tenere la curva e quando ho visto lo spazio mi sono inserito. E' sicuramente stato un mio errore di valutazione nella prima partenza, non mi aspettavo un contatto così forte. Nella seconda partenza invece penso che abbia sbagliato lui, io mi ero già inserito in traiettoria."

Nel primo via prima della bandiera rossa sembravi avere un passo molto veloce, poi lo hai perso nella seconda partenza, cosa è successo?
"Nella prima partenza il feeling era molto buono, sono partito subito aggressivo e l'aderenza era buona. Dopo la bandiera rossa ovviamente abbiamo cambiato le gomme e quel feeling si era come volatilizzato, non sentivo più aderenza sulla ruota posteriore. Ma non voglio giustificarmi incolpando le gomme, usiamo tutti le stesse mescole, può darsi che gomme diverse abbiano influito ma sono anche finito largo quindi ora dovremo riguardare i dati ed analizzare cosa è successo in vista della prossima gara."

Uno dei tuoi punti forti è sempre stata la tua capacità di recuperare da una posizione di partenza sfavorevole, cosa non ha funzionato?
"Ovviamente non ho ancora recuperato la mia forma ottimale, non sono arrabbiato ma sicuramente c'è della frustrazione. In qualifica avevamo un buon passo e partire dall'ottava casella in griglia non è ottimale, ma in gara abbiamo girato più lentamente che nei giorni scorsi, sicuramente la mancanza di aderenza sul posteriore ha effetti a cascata sia sulle frenate che sulle accelerazioni, quindi ora dovremo lavorare anche su questo aspetto."

Hai avvertito dolori durante la gara?
"Ho ancora dei fastidi e del dolore costante alla spalla, ma ora è più una costante che delle fitte improvvise, ma sicuramente anche quello condiziona la mia performance, non sono ancora al cento per cento del mio potenziale".

Articoli che potrebbero interessarti