Tu sei qui

MotoGP, Jarvis: "La storia di Yamaha con Valentino Rossi è stata una favola"

"Ci ha dato la fiducia per ritrovare il nostro spirito". Il presidente Hidaka: "lo vorremmo come amabasciatore del nostro marchio"

MotoGP: Jarvis: "La storia di Yamaha con Valentino Rossi è stata una favola"

Share


Valentino Rossi ha rappresentato una parte fondamentale della storia di Yamaha in  MotoGP. A partire da quella prima vittoria in Sud Africa nel 2004, la prima di 56 conquistate insieme, a cui si aggiungono 42 podi e, naturalmente, 4 titoli mondiali. Dopo l’annuncio del suo ritiro, non si sono fatte attendere le parole di Yoshihiro Hidaka, presidente e Ceo dell’azienda giapponese.

Prima di tutto, vorrei cogliere questa opportunità per esprimere la mia gratitudine a Valentino per la grande collaborazione che abbiamo avuto con lui. Ci mancherà molto in pista, nel paddock e dietro le quinte della Yamaha, ma rispettiamo pienamente la sua decisione - ha detto - Alla Yamaha siamo molto orgogliosi dell'eredità nel motociclismo che abbiamo creato insieme. I 16 anni che abbiamo trascorso come partner sono stati pieni di battaglie epiche in pista e di vittorie. Alla Yamaha ci sforziamo sempre di dare ai nostri fan e clienti la sensazione di Kando. In un certo senso, l'intera carriera di Valentino alla Yamaha incarna questa ricerca della profonda soddisfazione e dell'intensa eccitazione che proviamo quando incontriamo qualcosa di eccezionale valore. Siamo tutti molto contenti che Valentino abbia deciso di rimanere un pilota Yamaha fino alla fine della sua carriera in MotoGP e oltre”.

"Ci sono troppi grandi bei momenti di Yamaha con Valentino per sceglierne uno come preferito - ha continuato - Ci sono state anche delle sfide nel corso degli anni, ma la fiducia tra noi non ha mai vacillato e anzi ha rafforzato la nostra partnership nel corso degli anni. I successi di Valentino sono stati raggiunti sia in pista che fuori, e costituiscono una parte importante del patrimonio sportivo della Yamaha. Lo ringraziamo per i suoi incredibili sforzi, per le sue abilità ineguagliabili e per la sua passione e il suo ottimismo mai sopiti. Siamo orgogliosi di aver fatto parte della sua storia di successo unica. Conserveremo per sempre i preziosi ricordi che abbiamo fatto insieme e speriamo di continuare ad aggiungerne con lui come ambasciatore del marchio Yamaha".

Anche Lin Jarvis, managing director di Yamaha, che ha condiviso con Valentino il box per tanti anni ha voluto esprimergli la sua gratitudine.

Prima di tutto, vorrei ringraziare sinceramente Valentino, a nome di Yamaha Motor Racing, per la speciale partnership - ha esordito - Abbiamo avuto il privilegio di essere protagonisti di un'era leggendaria nei Gran Premi, con Valentino che ha fortificato la line-up dei piloti Yamaha per 16 stagioni. L'ormai iconica partnership tra Yamaha e Rossi è iniziata quasi come una favola. Rossi ha vinto quell'incredibile gara a Welkom nel 2004, il suo primo GP con la Yamaha. Il suo arrivo in Yamaha è stato il catalizzatore che ha cambiato completamente il nostro programma di corse in MotoGP, e ci ha dato la fiducia per ritrovare il nostro spirito di sfida e diventare ancora una volta campioni del mondo della MotoGP”.

"Dal 2004 abbiamo completato fino ad oggi 264 gare, insieme abbiamo ottenuto 56 vittorie, 46 secondi posti, 40 terzi posti, e abbiamo vinto quattro titoli mondiali MotoGP rispettivamente nel 2004, 2005, 2008 e 2009 - ha ricordato - Valentino è una leggenda vivente i cui successi e il cui estro personale hanno contribuito all'eredità e al patrimonio della Yamaha in abbondanza. Inoltre, durante i periodi più difficili, la sua mentalità positiva era una spinta per quelli intorno a lui, ed era sempre pronto a fare il miglio extra per un buon risultato. È grazie alla sua inesauribile passione per la MotoGP che possiamo guardare con orgoglio 16 fantastiche stagioni insieme".

"Sapevamo tutti che alla fine sarebbe arrivato il momento in cui l'illustre carriera di Valentino nei Gran Premi si sarebbe conclusa. Le sue impareggiabili capacità e il suo caloroso carisma mancheranno sicuramente ai fan, ai media, al paddock della MotoGP e a tutto lo staff Yamaha - ha concluso - Ma prima che appenda finalmente la tuta al chiodo, abbiamo ancora nove opportunità per godere e assaporare le sue apparizioni nei restanti Gran Premi della stagione 2021. In questo senso è molto appropriato che vedremo il ritorno degli appassionati di corse e degli spettatori in molte delle prossime gare. Quindi godiamoci tutti i prossimi GP e poi avremo la possibilità di dire un vero e proprio grazie a Valentino alla fine del weekend del GP di Valencia a novembre”.

 

Articoli che potrebbero interessarti