Tu sei qui

Mercato Moto e Scooter: luglio in calo sul 2020, ma +9,4% sul 2019

Tieni saldamente la testa la Benelli TRK 502, mentre la Yamaha Tracer 9 con un secondo posto nel mese di luglio sale al terzo da inizio anno, sorpassando una Honda Africa Twin in crisi di consegne per i noti problemi di approvvigionamento

Moto - News: Mercato Moto e Scooter: luglio in calo sul 2020, ma +9,4% sul 2019

Share


Un luglio incerto, perchè in calo sullo stesso mese del 2020, ma in forte crescita su due anni fa. Visto l'andamento particolare dello scorso anno, con alti e bassi dettati dalle chiusure legate al Covid, prevarrebbe quindi l'ottimismo, confermato da un dato da inizio anno decisamente buono, con un +17,1% sul confronto con i primi sette mesi del 2019, che diventa un +36,5% sul 2020.

Tra le moto continua la corsa della Benelli TRK 502 (4.729 esamplari immatricolati nel 2021), in testa alla classifica tra le moto, con un vantaggio consistente sulle inseguitrici, la "eterna" BMW R 1250 GS (3.244), mentre la Yamaha Tracer 9 (2.340) si conquista il gradino basso del podio sorpassando anche la Honda Africa Twin (2.264). A luglio sono infatti solo 262 gli esemplari immatricolati i quest'ultima, molto probabilmente per via dei noti problemi di approvvigionamento e produzione a livello mondiale, mentre dopo un mese in testa la Tracer 9 conquista il secondo posto anche questo mese, con 618 vendite, dietro alla sola TRK 502 che raggiunge quota 752.

Nella generale è dominio Honda SH, con rispettivamente 125, 150 e 350 a comporre il podio di luglio, 125, 350 e 150 quella dei primi 7 mesi.  

I numeri delle immatricolazioni del mese diffusi oggi da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) parlano infatti di una crescita complessiva del 9,4% su un più significativo e opportuno confronto con il 2019.

Meno favorevole è invece il dato della comparazione con lo stesso mese del 2020 (-12%), anno contraddistinto da instabilità e forti rimbalzi nelle vendite, ma anche segnale che il mercato sta tornando progressivamente alla normalità.

Paolo Magri, presidente dell’associazione dei costruttori, ha sottolineato che “la vitalità del mercato di questi ultimi mesi accresce comunque anche il peso specifico del nostro comparto e dell’intera filiera, un elemento che sottolinea ancora una volta il valore delle due ruote come soluzione di mobilità fruibile e sostenibile e, soprattutto, come l’offerta delle Case sia oggi in grado di rispondere alla domanda crescente di passione, rafforzando lo sviluppo di segmenti intermedi e creando anche nuovi motociclisti”.

IL MERCATO DI LUGLIO – Entrando nel vivo dei numeri, durante il mese di luglio sono stati immessi sul mercato complessivamente (ciclomotori + immatricolato) 35.322 veicoli (-12%). Il mercato dei ciclomotori totalizza 2.368 veicoli venduti, pari a un calo del 27,2% sullo stesso mese del 2020, mentre scooter e moto registrano rispettivamente 18.745 (-13,95%) e 14.209 (-5,95%) veicoli immatricolati. Come anticipato, dal confronto con lo stesso mese del 2019 emerge invece una crescita complessiva del 9,4%.

DA GENNAIO A LUGLIO – Nei primi sette mesi dell’anno ciclomotori, scooter e moto segnano un aumento complessivo del 36,5% pari a 211.760 mezzi targati. In particolare i ciclomotori raggiungono quota 12.178 (+8,96%), gli scooter 110.806 (+37,4%) e le moto 88.776 (+40,43%). Rispetto ai primi sette mesi del 2019 si registra un complessivo aumento del mercato del 17,1%.

MERCATO ELETTRICO – L’elettrico chiude il mese di luglio con 1.214 veicoli venduti, pari a una crescita del 57%. Positivo anche il progressivo annuo con 6.338 mezzi e una crescita del 34,51%. Anche in questo ambito del mercato, il confronto con il 2019 segna una crescita complessiva pari al 127,1%.

Articoli che potrebbero interessarti