Tu sei qui

Eco - Incentivi auto nuove 2021: oggi si riparte

Tornano gli incentivi per l'acquisto di auto a basse emissioni di CO2 (comprese tra 61 e 135 g/km) grazie al decreto Sostegni bis convertito in legge lo scorso 22 luglio. Nuovi finanziamenti anche per l’Ecobonus per elettriche e ibride plug in. L'usato? Deve attendere settembre

Auto - News: Eco - Incentivi auto nuove 2021: oggi si riparte

Share


Ci siamo, oggi, lunedì 2 agosto ripartono gli incentivi destinati alle auto nuove con emissioni di CO2 comprese tra 61 e 135 g/km. Come le altre volte potranno essere prenotati grazie all’apposita piattaforma del Ministero delle Infrastrutture. Interessante anche il rifinanziamento dell’Ecobonus destinato alle vetture elettriche (fascia 0-20 g/km) ed alle ibride plug in (21-60 g/km). Giovedì prossimo 5 agosto, invece, apriranno anche le prenotazioni per gli incentivi all'acquisto (o la locazione finanziaria) per furgoni e van entro le 3,5 tonnellate. Per quelli che invece attendenvano notizie in merito all'usato Euro 6, purtroppo nulla da fare, poiché slitta a settembre. Il provvedimento, alias decreto Sostegni bis, è stato approvato prima alla Camera il 14 luglio e dal Senato il 22 luglio.

350 milioni di euro fino al 31 dicembre

Veniamo ora ai dati ed ai numeri di questo decreto Sostegni bis. Il valore complessivamente è stimato in ben 40 miliardi di euro, di cui 350 milioni al settore auto (sono poi suddivisi tra le diverse fasce di emissioni). 200 milioni sono dedicati alle auto nuove con emissioni comprese tra 61 e 135 grammi di CO2. Parliamo di un bel "misto" di vetture, suddivise tra quelle con motore termico (cilindrate piccine), mild-hybrid e full-hybrid. Come anticipato, 60 milioni di euro vanno poi a rifinanziare l’Ecobonus (emissioni tra 0 e 60 g/km), quindi le elettriche e le ibride plug-in. Saranno 40, invece, i milioni di euro destinati all’incentivo per l'acquisto di auto usate Euro 6 (CO2 fino a 160 g/km), con contestuale rottamazione del vecchio mezzo. Per finire, sarranno 50 i milioni per acquisto o locazione finanziaria di furgoni e van (entro le 3,5t).

Incentivi: come si richiedono

E' importante sapere come si richiedono gli incentivi. Si ottengono tramite la piattaforma del Mise (Ministero dello Sviluppo Economico). Concessionari e rivenditori dovranno registrarsi, prenotare i bonus per ogni mezzo e curare la procedura. Tutto è chiaramente subordinato alla disponibilità residua dei fondi, particolare che risulta essere verificabile in tempo reale sulla stessa piattaforma. Confermata alla prenotazione, il contributo sarà corrisposto all’acquirente come compensazione con il prezzo di acquisto (viene dunque decurtato dal totale). Le imprese costruttrici o importatrici del mezzo, rimborseranno al venditore l’importo del contributo per poi recuperarlo successivamente (credito d’imposta). In via di sviluppo la procedura per i mezzi usati.

Le fasce degli incentivi

L'incentivi si "divide" in due, poiché prevede sì il contributo pubblico, ma anche uno sconto obbligato da parte del rivenditore. Ma a quanto ammontano gli incentivi per categoria di emissioni?
- 0-20 grammi di CO2: per le elettriche, 10 mila euro di Ecobonus (in caso di rottamazione di un veicolo che abbia più di 10 anni e sia omologato tra Euro 0 ed Euro 4; 6 mila euro senza rottamazione) con un prezzo massimo del nuovo di 50 mila euro più Iva;
- 21-60 grammi di CO2: per le ibrida plug-in, 6.500 euro in caso di rottamazione e 3.500 euro senza rottamazione. Il prezzo massimo del nuovo deve essere di 50 mila euro più Iva;
- 61-135 grammi di CO2: per acquisto con rottamazione, 3.500 euro;
- auto usate 0-60 grammi di CO2: 2 mila euro con rottamazione;
- auto usate 61-90 grammi di CO2: 1.000 euro con rottamazione;
- auto usate 91-160 grammi di CO2: 750 euro con rottamazione.

Ultriore parametro per le usate da considerare, è che la quotazione media di mercato non deve essere superiore ai 25 mila euro. L'auto da rottamare dovrà essere stata immatricolata entro il 31 dicembre 2010, oppure, al momento dell'acquisto, dovranno essere trascorsi oltre 10 anni dall'immatricolazione (e di proprietà dell'acquirente o di un suo familiare convivente da almeno 12 mesi). A questo link i precedenti bonus.

Articoli che potrebbero interessarti