Tu sei qui

MotoGP, Marini: “Valentino fa ancora paura, a lui piacerebbe continuare”

VIDEO “Tutti gli diciamo di non smettere, anche perché senza di lui la MotoGP non sarà più la stessa cosa. Il 2022? Serve la moto ufficiale”

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Rallisti per un giorno! Verrebbe proprio da dire così, dal momento che Withu ha voluto regalare ai piloti dell’Academy una giornata tutta di traverso sulle auto da rally. L’appuntamento è in provincia di Verona e tra i protagonisti compare pure Luca Marini, portacolori del team Esponsorama.

Marini già sa cosa significhi mettersi alla guida di un auto da rally, vista l’esperienza maturata qualche anno fa al Monza Rally Show.

“Siamo qua per divertirci, anche se gli organizzatori di questa giornata vogliono metterci a dura prova per fare dei grossi danni – ha esordito scherzano il pilota di Tavullia - il rally è una disciplina incredibile, che ammiro molto e di conseguenza sono entusiasta per questa fantastica opportunità”.

Oggi il rally, tra una settimana sarà già tempo di MotoGP.
“Tra una settimana ripartiremo e sono felice di tornare in pista. Ho avuto modo di riposare durante l’estate, ma anche di allenarmi per essere pronto. Ci aspettano due gare importanti in Austria, dove voglio essere competitivo, cercando di fare il meglio. Recentemente ci siamo tolti un po’ di ruggine con la V4 e voglio essere caldo fin dalla FP1 del venerdì”.

L’estate è tempo di relax e vacanza, ma anche di bilanci. Per l’occasione Luca traccia un analisi di questa prima metà di Campionato.
“Sono mediamente soddisfatto di come è iniziata la stagione. Siamo partiti gradualmente, compiendo un passo alla volta, anche perché la categoria era nuova, così come la squadra. Credo però di essere a un buon livello, nonostante ci siano alcune cose da limare. Personalmente non mi aspetto nulla di eccezionale da agosto in poi, vorrei solo ottenere il maggior numero di punti possibili con ciò che abbiamo”.

Si parla di moto, rally, ma anche di futuro con Luca Marini.
“Non sono nulla, anche perché non ne abbiamo ancora parlato viste le recenti vacanze. Dovremo fare il punto questo fine settimana, anche se non sono preoccupato di rimanere a piedi. Per me è importante avere una moto ufficiale il prossimo anno, dato che il livello è alto e tutti i piloti ormai ce l’hanno. Se hai meno esperienza e nemmeno una moto ufficiale è ancora più difficile lottare in questa MotoGP”.

Chissà mai che Luca il prossimo anno non possa condividere il box con suo fratello Vale.  
“È il desiderio di tutti! Una MotoGP senza Vale non sarà più  la stessa cosa. Tutti gli abbiamo detto di continuare, io lo vedo carico, a lui piacerebbe correre per ottenere dei risultati, dato che fa ancora paura. Un esempio è stata la giornata di sabato al Ranch, dove ci ha messo in difficoltà. Valentino rimane sempre l’ispirazione”.

Detto di Rossi, Luca ha le idee ben chiare riguardo cosa aspettarsi dalla seconda parte di stagione.
“Vorrei fare più punti rispetto alla prima parte di Campionato, dato che significherebbe aver compiuto un passo avanti”.  

 

Articoli che potrebbero interessarti