Tu sei qui

Yamaha GYTR R6 Race: il kit per la Supersportiva che fa la differenza

Grazie al kit GYTR, la Yamaha R6 Race diventa la supersportiva perfetta per divertirsi in pista. Ecco un nuovo video

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


E' dal lontano 1999 che la Yamaha YZF-R6 porta a casa risultati su risultati. Il primo, con Jamie Whitham nella tappa di Donington Park del Campionato mondiale FIM Supersport 1999. Poi sono arrivati i Titoli Mondiali WSSP con Jörg Teuchert, Cal Crutchlow, Chaz Davies, Sam Lowes, Lucas Mahias, Sandro Cortese e Randy Krummenacher. Gli appassionati di pista, conoscono bene la moto ed hanno già visto la Yamaha R6 Race. In occasione della sua presentazione, Yamaha ha parlato della versione più cattiva, quella dotata del kit GYTR, acronimo di Racing Genuine Yamaha Technology Racing. Ora abbiamo un video, che potete godervi qui sopra.

GYTR: in cosa consiste

Il GYTR è un kit che fornisce il massimo della tecnologia. Questa squadra, lavorando a stretto contatto con i team di gara e i piloti collaudatori è in grado di sviluppare una vasta gamma di componenti che migliorano le prestazioni. Questo kit, realizzato per la Yamaha R6 Race, rende la moto più performante con una serie di caratteristiche che migliorano le prestazioni in un esclusivo assetto completo da gara.

Avrete dunque a disposizione un pacchetto elettronico GYTR con un cablaggio racing e ECU programmabile, così da poter mettere a punto il motore. C'è poi il sistema di aspirazione Air intake System, che consente alla R6 Race di utilizzare direttamente l'aria esterna fornita dalla grande presa d'aria, con un vantaggio per la potenza erogata. Abbiamo poi lo scarico da gara Akrapovic, interamente in titanio, realizzato per incrementare al massimo la potenza del motore e ridurre il peso. C'è poi il plexi da gara WSS, facile da montare e che riduce la resistenza e migliora la velocità in rettilineo e la maneggevolezza.

I freni sono poi di dotati tubi in acciaio inossidabile (risposta diretta e miglior sensazione in fase di decelerazione). L'emulatore ABS GYTR, consente lo smontaggio della pompa ABS per un'ulteriore riduzione del peso. Sono montate altre parti richieste da FIM, quali la protezione della leva del freno anteriore e la protezione della corona posteriore, mentre i ganci del cavalletto paddock posteriori rendono più efficiente lo smontaggio della ruota posteriore. Volendo, non mancano le sospensioni Öhlins per personalizzare ulteriormente la Yamaha R6 Race.

Il kit GYTR R6 Race in pillole:

- Set cupolino da gara GYTR
- Sistema completo da gara Akrapovic
- Set ECU GYTR
- Set cablaggio GYTR
- Interruttore on/off GYTR
- Cavo interfaccia GYTR
- Set di tappi AIS GYTR
- Emulatore ABS GYTR
- Tappo carburante senza chiave GYTR
- Cuscini sella GYTR
- Tubi freno in acciaio inossidabile per anteriore e posteriore
- Protezione leva del freno anteriore
- Set da gara GYTR completamente regolabile con kit di selezione retromarcia opzionale
- Protezione pignone posteriore (pinna di squalo)
- Azionamento pignone 14T adatto per la catena 520
- Pignone posteriore, 45 adatto per conversione catena 520
- Set dadi pignone per 520
- catena DID Gold Race 520
- Ganci per cavalletto paddock
- Cavalletto paddock

Articoli che potrebbero interessarti