Tu sei qui

MotoGP, Crutchlow sulla Yamaha di Morbidelli: "mi butto nella mischia, non vedo l'ora"

Cal sarà in pista in entrambi i GP: "È un po' come essere buttato nella mischia, visto che è una classe MotoGP molto competitiva, non ho obiettivi se non lo sviluppo"

MotoGP: Crutchlow sulla Yamaha di Morbidelli: "mi butto nella mischia, non vedo l'ora"

Share


Dopo l'la conferma di KTM sul ritorno in gara di Dani Pedrosa, ora c'è l'ufficializzazione che anche Cal Crutchlow sarà della partita al Red Bull Ring sulla Yamaha PETRONAS di Franco Morbidelli mentre il pilota italiano continua il suo recupero dall'intervento al ginocchio sinistro.

Crutchlow prenderà parte ai due Gran Premi in Austria, che si terranno a Spielberg, e al BritishGP a Silverstone - la sua gara di casa.

Crutchlow non è estraneo alle Yamaha MotoGP, avendo iniziato la sua carriera nella classe regina con il marchio giapponese nel 2011 - trascorrendo tre stagioni a bordo della Yamaha - ed è ora il pilota ufficiale di test e sviluppo della fabbrica.

"Dopo aver esaminato tutte le opzioni, è stata una decisione collettiva tra Yamaha e noi di chiedere a Cal Crutchlow di sostituire Franco, mentre si riprende dall'operazione - ha spiegato Razlan Razali, Team Principal, Petronas Yamaha - Cal è un pilota credibile ed esperto, che attualmente è un test rider per Yamaha. Come squadra indipendente, è qui che possiamo davvero fare un passo avanti per aiutare Yamaha. Cal sarà in grado di accumulare un buon chilometraggio sulla nostra M1, che dovrebbe aiutarlo con il suo lavoro di test e sviluppo per Yamaha. Cal sostituirà Franco per le prossime tre gare e non abbiamo obiettivi reali per lui in termini di risultati. Faremo tutto il possibile per aiutarlo e farlo sentire a suo agio nel team. Ha già familiarità con alcune delle persone chiave della squadra, il che aiuta, e sono sicuro che è pronto per la sfida".

"È fantastico tornare a correre con Yamaha quest'anno come collaudatore ufficiale e poter intervenire quando necessario è un bene per tutte le parti - ha aggiunto Cal - Non vedo l'ora di correre per Petronas Yamaha SRT nei tre Gran Premi. Ovviamente non è nelle migliori circostanze e auguro a Franco un buon recupero, spero che torni forte dopo l'intervento al ginocchio. Sono sicuro che lo farà perché ha guidato in modo fantastico negli ultimi due anni.

Penso che sia difficile fissare obiettivi per queste tre gare e sarà più una questione di capire la moto, dato che ho avuto pochi giorni di guida quest'anno. La cosa buona è che posso confrontare le moto e dovrei essere in grado di raccogliere molti dati per la Yamaha. È un po' come essere buttato nella mischia, visto che è una classe MotoGP molto competitiva, ma non vedo l'ora e sarà bello tornare sulla griglia di partenza.

Non vedo l'ora di incontrare la squadra in Austria, anche se ci saranno alcune facce familiari per me perché Wilco Zeelenberg era il mio Team Manager in Supersport nel 2009 e ho corso contro Johan Stigefelt alcuni anni fa, quindi sarà un piacere tornare con loro".

Articoli che potrebbero interessarti