Tu sei qui

MotoAmerica, Gagne centra la sua 9a vittoria dopo una battaglia con Baz a Laguna Seca

Jake Gagne è stato sorpassato a Laguna Seca nella seconda delle due gare Superbike nel MotoAmerica Superbike Speedfest a Monterey. Ma è durato solo due curve 

MotoAmerica: Gagne centra la sua 9a vittoria dopo una battaglia con Baz a Laguna Seca

Share


Jake Gagne è stato sorpassato a Laguna Seca nella seconda delle due gare Superbike nel MotoAmerica Superbike Speedfest a Monterey. Ma è durato solo due curve.
 

Gagne è uscito di pista durante la corsa dalla curva cinque alla curva sei nel giro di apertura e l'errore ha permesso a Loris Bazdi passarlo. Quello che è seguito è stata una frenetica lotta di 20 secondi: Gagne, Baz e Mathew Scholtz hanno lottato fra il cavatappi e la curva Rainey. Quando la polvere si è posata, Gagne era di nuovo davanti.
 
Nonostante la pressione costante di Baz per tutta la durata, Gagne è stato in grado di mantenere la sua compostezza per battere il francese di 1,789 secondi e vincere la sua nona gara di  Superbike. La vittoria ha anche aumentato i suoi punti di vantaggio in campionato a 65 punti su Scholtz, 225-160.
 
"Quella curva cinque, quando vai là fuori su una Superbike inizi a scivolare - ha spiegato Gagne quando gli è stato chiesto della sua escursione fuori pista - Sono solo scivolato un po' troppo là fuori. Pensavo di salvarla, e poi all'improvviso, ero nel fango. Ed ho mollato l'acceleratore. Loris Baz è passato, poi Mat Scholtz)è passato al Cavatappi. Entrambi sono andati larghi nel Cavatappi, quindi sono stato in grado di tuffarmi sul Cavatappi e sul lato della Rainey Curve) Sono riuscito a riprenderlo e sapevo che dovevo andare. Ovviamente, stavo tenendo d'occhio il mio tabellone dei box. Sapevo che Loris era lì. Sapevo che Mat era lì. Non mi hanno dato alcun problema".
 
Gagne era stato sfidato per tutto il fine settimana da Baz e ha ammesso che domenica è stata la più grande sfida che aveva affrontato tutto l'anno.
 
"È stata una gara difficile per me - ha detto Gagne - Ho fatto un paio di piccoli errori. In tutte queste gare, sono stato in una posizione abbastanza comoda. Ma questa volta sono andato largo qua e là. Ma abbiamo fatto alcuni miglioramenti. Abbiamo reso la moto più facile da guidare. È stato divertente correre con questi ragazzi".
 
Per Baz e il suo team Ducati è stato un weekend solido in cui hanno fatto grandi miglioramenti alla Panigale V4 R.
 
"Ho fatto una buona partenza - ha detto Baz - quindi ero abbastanza contento. Jake Gagne è andato largo alla quinta curva. Sono davvero felice che non sia caduto perché sarebbe stato spaventoso. Ero davvero vicino a lui. Le pietre mi hanno colpito come quando si corre in motocross. Poi sono riuscito a superarlo, ma sono andato largo nella curva successiva. Poi è tornato all'interno. Eravamo gomito a gomito. Abbiamo fatto il Cavatappi. Il suo gomito era bloccato nella mia ala. Poi alla curva successiva, Josh Herrin è arrivato e siamo andati gomito a gomito per tutto il rettilineo. Non volevo davvero perdere la ruota posteriore da Jake perché non mi aspettavo che qualcuno potesse seguirci all'inizio, quindi sono stato sorpreso di vedere i successivi 10 giri più zero. Stavo cercando di mantenere lo stesso distacco da Jake, quindi avevo pressione.  Dopo 12, 13 giri ho iniziato ad avere un sacco di chattering davanti, molto più di ieri. Di nuovo, un altro podio e un altro P2. Sono molto più vicino a Jake. Gli abbiamo messo pressione. Abbiamo fatto una gara divertente. Quindi, sono felice".
 
 
Superbike Race 2

Jake Gagne (Yamaha)
Loris Baz (Ducati)
Mathew Scholtz (Yamaha)
Cameron Petersen (Suzuki)
Josh Herrin (Yamaha)
Bobby Fong (Suzuki)
Toni Elias (Ducati)
Hector Barbera (BMW)
Travis Wyman (BMW)
Bryce Prince (Yamaha)

Articoli che potrebbero interessarti