Tu sei qui

SBK, Rea: “Pensavo fosse la mia giornata, è frustrante finire a terra così”

“Ho preso un avvallamento, ho perso l’anteriore e sono caduto. Toprak? È chiaro che ora è il mio rivale ed è uno che massimizza ogni risultato”

SBK: Rea: “Pensavo fosse la mia giornata, è frustrante finire a terra così”

Share


La sua domenica sembrava essere iniziata nel verso giusto, tanto che la vittoria in Superpole Race al mattino era un messaggio ben chiaro per la concorrenza. Peccato che alla fine Johnny Rea debba pagare un conto salato, dal momento che la caduta in Gara 2 pesa come un macigno.

Oltre a dover rinunciare alla lotta per la vittoria, il Cannibale serve su un vassoio d’argento la vetta del Mondiale a Toprak Razgatlioglu. Il nordirlandese deve quindi leccarsi le ferite per aver gettato al vento un’occasione d’oro.

“Peccato per la caduta, ma è tutto ok – ha esordito Johnny – dispiace perché stamani nella Superpole Race ero riuscito a vincere, nonostante le condizioni particolarmente insidiosi. Avevo infatti azzeccato la scelta della gomma intermedia, che in gara si è comportata molto bene, tanto che ero particolarmente fiducioso per Gara 2”.

Peccato che il copione abbia avuto un triste epilogo.
“Al via Toprak è stato aggressivo, in seguito ho perso un po’ di tempo, commettendo un lungo. Toprak mi ha passato e quando mi sono messo al suo inseguimento, rischiando pure di centrarlo, infatti sono arrivato nuovamente lungo. Nonostante ciò sono riuscito a recuperare, avevo infatti un buon ritmo e pensavo fosse la mia giornata”.

Poi ecco la caduta.
“Ho preso un avvallamento e ho perso l’anteriore, finendo a terra. Sono frustrato con me stesso per quanto accaduto, anche se alla fine sono più contento di oggi rispetto a ieri. Sabato ho faticato, oggi invece avevo un gran bel ritmo, peccato per la caduta”.

Intanto Razgatlioglu sale al comando della classifica iridata, mentre Johnny è chiamato a rincorrere.
“È chiaro che ora c’è un nuovo rivale per la corsa al titolo. Toprak sta facendo un grande lavoro e sfrutta al meglio ogni opportunità, come oggi, massimizzando ogni risultato. È stato molto forte, ma il Mondiale è lungo e tra poche settimane torneremo in pista ad Assen. È un grande pista, dove vogliamo puntare a tornare a vincere”.

Caduta a parte, per finire viene domandato a Rea se la moto lo stia limitando o meno.
“La nuova moto non ha nulla, anzi penso sia un passo avanti rispetto alla precedente. Solo che oggi è andata così e dispiace, purtroppo è un incidente che può succedere e dobbiamo solo pensare alle prossime gare, cercando di tornare forti e competitivi”.

Articoli che potrebbero interessarti