Tu sei qui

SBK, CIV Imola: Bussolotti pigliatutto in SS600, festa grande Turchia in SS300

Marco Bussolotti conquista vittoria e leadership di campionato al termine di Gara 2 del CIV SS600 a Imola. Bahattin Sofuoglu suona la prima in SS300, ma Matteo Vannucci allunga in classifica. Matteo Bertelle domina la Moto3. A Piccolo la PreMoto3

SBK: CIV Imola: Bussolotti pigliatutto in SS600, festa grande Turchia in SS300

Share


Archiviata una scoppiettante gara della Superbike, dove Lorenzo Zanetti ha spezzato l’egemonia di Michele Pirro (QUI il pezzo relativo), nelle restanti categorie del Campionato Italiano Velocità non sono mancati i colpi di scena e gli spunti d’interesse sui saliscendi del glorioso Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola. Ecco che cosa è successo.

SS600 - Bottino pieno per Bussolotti

Se le gocce di pioggia hanno condizionato a più riprese l’andamento della top class, fortunatamente hanno concesse una tregua per Gara 2 della SuperSport 600. In grande forma fin dai turni di prove, vedi podio nella gara del sabato, Marco Bussolotti ha colto il successo (il sesto in carriera a distanza di un anno dall’ultima volta) al termine di una contesa tiratissima con cinque piloti racchiusi in un secondo e mezzo sulla bandiera a scacchi. Per il baluardo Axon 7 Team una condotta magistrale in una pista storicamente favorevole e, come se non bastasse, la soddisfazione di salire in vetta alla graduatoria in attesa del futuro round di Misano. In chiaroscuro nei week-end in quel di Mugello e impianto di Santamonica, Kevin Manfredi (AltoGo Racing) è tornato ai livelli che gli competono e quest’oggi ha conquistato il primissimo podio del 2021 con il secondo posto, beffato nel finale giusto per due decimi. In terza posizione Davide Stirpe (Extreme Racing Service), ormai una costante in sella alla MV Agusta, il quale ha preceduto Stefano Valtulini (Rosso Corsa) e Massimo Roccoli (Promodriver Organization), voglioso di dimenticare in fretta il pesante zero di Gara 1. A quasi cinque secondi il resto del plotone a cominciare dalla positiva sesta posizione di Andy Verdoia (Gomma Racing), in rimonta dalla 13esima casella di partenza, e la settima di Luca Ottaviani (RM Racing). Non è andato oltre l’ottava posizione l’ormai ex leader di campionato Roberto Mercandelli (Rosso e Nero), vincitore nella giornata precedente, ma condizionato da un fastidio al braccio sinistro. Hanno completato la top-10 Kevin Zannoni (SGM Tecnic) e Matteo Patacca (Bike&Motor Racing), entrambi rookie in rampa di lancio. Fine settimana da dimenticare per il poleman Federico Caricasulo (MotoXRacing), con due zeri all’attivo, oggi per colpa di un problema tecnico.

Classifica piloti: Marco Bussolotti 100 punti, Roberto Mercandelli 89, Massimo Roccoli 85.

RISULTATI GARA 2:

SS300 - Il riscatto di Sofuoglu, Vannucci allunga

Ieri pomeriggio era finito dentro l’occhio del ciclone in virtù del contatto (e conseguente caduta) all’ultimo giro con Hugo De Cancellis alla Variante Bassa, quest’oggi, invece, ha centrato l’affermazione numero uno nella SuperSport 300 italiana. Nell’arco di nemmeno 24 ore la realtà di Bahattin Sofuoglu è cambiata in modo radicale: dalle stalle alle stelle verrebbe da dire, oltretutto poco prima della vittoria di Toprak Razgatlioglu nel World SBK in quel di Donington Park, per cui giornata di grande festa in Turchia. Sfortunato e altalenante in termini di costanza nei precedenti round, malgrado le ottime doti velocistiche, il baluardo MotoXRacing ha finalmente massimizzato la propria prestazione dopo aver condotto le ostilità per addirittura otto dei 12 passaggi in programma. Il nipote di Kenan ha avuto la meglio per soli tre decimi nei confronti del leader di campionato Matteo Vannucci (Junior Team AG Yamaha PATA Italia), al quarto secondo posto consecutivo e autore del nuovo record in 2’06”768. All’esordio assoluto sui saliscendi di Imola, pur non essendo arrivato al tanto ambito successo, il fiorentino può ritenersi decisamente soddisfatto in ottica titolo complice lo zero di De Cancellis (Prodina Ircos Team), caduto alla Variante Alta, allungando così a quota 45 punti il personale vantaggio sugli inseguitori. Sul podio anche Emanuele Vocino (GradaraCorse PZ Racing), staccato di quasi sei secondi dal gruppo di testa, abile nel condurre all’errore il compagno di marca Leonardo Carnevali (Pedercini Corse), terzo sul traguardo, poi sesto causa penalizzazione di un secondo per aver tagliato la chicane finale. Al quarto posto un ritrovato Mattia Martella (Prodina Ircos), a precedere Omar Bonoli (Team Runner Bike).

Classifica piloti: Matteo Vannucci 116 punti, Emanuele Vocino 71, Bahattin Sofuoglu 70.

RISULTATI GARA 2:

Moto3 - Bertelle mai in discussione, out Bartolini

14 passaggi da qualifica, perennemente costante sul ritmo del 1’58 basso, con tanto di nuovo primato della pista in 1’57”969 e vittoria mai messa a repentaglio. Questo il riassunto di Gara 2 della Moto3 che ha proiettato Matteo Bertelle sul gradino più alto del podio. Sfortunato ieri nella carambola scaturita dall’errore di valutazione di Elia Bartolini alla Variante Bassa, oggi il portacolori del Team Minimoto si è preso la rivincita conquistando la terza vittoria nelle ultime quattro contese disputate, un ruolino di marcia devastante. Gli avversari, staccati di addirittura sei secondi, hanno dovuto alzare ben presto bandiera bianca, senza opportunità di controbattere. Alle sue spalle, la volata in chiave secondo posto ha premiato Alberto Surra (Bardahl VR46 Rider Academy), favorito dalla penalizzazione causa track limit dello spagnolo Alex Millan (D34G Racing), di nuovo a podio, chiamato da Davide Giugliano a sostituire Vonta Van Den Goorbergh impegnato nel CEV a Portimao, e davanti al torinese sul traguardo. Tuttavia, a tenere banco è stato il clamoroso ritiro del leader di campionato Elia Bartolini (Bardahl VR46 Rider Academy), costretto a lasciare la propria KTM nelle vie di fuga in virtù di una noia meccanica al giro conclusivo. Un doppio zero difficile da digerire per il cesenate che, stando così le cose, riapre completamente i giochi-titolo in avvicinamento al giro di boa del 2021. In quarta posizione Pasquale Alfano (Protech Racing), il cui il gap dalla vetta sale a 19 secondi, a precedere Lorenzo Bartalesi (SGM Tecnic) ed Andrea Giombini (Team Minimoto).

Classifica piloti: Elia Bartolini 95 punti, Matteo Bertelle 85, Alberto Surra 76.

RISULTATI GARA 2:

PreMoto3 - Piccolo la spunta in volata

Tra qualche goccia d’acqua e la bandiera rossa causata dalla scivolata (senza conseguenze) di Samuele Santi, la seconda gara della entry class del campionato italiano si è rivelata assai avvincente. Accorciata successivamente a otto giri, sulla breve distanza ha prevalso la qualità di Flavio Massimo Piccolo. Al primo successo in carriera in PreMoto3, il pilota D34G Racing ha beffato sul più bello i rivali Cesare Tiezzi (AC Racing Team) e Riccardo Trolese (M&M Technical Team), rispettivamente secondo e terzo, giunti sotto la bandiera a scacchi ad una manciata di decimi dalla BeOn #777. Leggermente più staccato il vincitore di Gara 1, Edoardo Liguori (Pasini Racing), quarto, il quale ha recuperato ulteriori punti al leader Alberto Ferrandez Beneite, assente complice la concomitanza con la European Talent Cup. Quinto il compagno di squadra Mattia Romito (Pasini Racing), pimpante in avvio, salvo poi essere risucchiato dal gruppo. In sesta posizione il greco Vasilis Panteleakis (AC Racing Team), a precedere Alex Venturini (Runner Bike) di 98 millesimi.

Classifica piloti: Ferrandez Beneite 95 punti, Flavio Massimo Piccolo 87, Riccardo Trolese 80.

RISULTATI GARA 2:

 

Articoli che potrebbero interessarti