Tu sei qui

SBK, Razgatlioglu: “Ho avuto paura, temevo di non arrivare alla bandiera a scacchi”

“Quando sono rimasto senza benzina ho iniziato a guardare dove fosse Rea, perché avevo paura mi fregasse. La partenza? Non è stata male”

SBK: Razgatlioglu: “Ho avuto paura, temevo di non arrivare alla bandiera a scacchi”

Share


Che spettacolo questo Toprak Razgatlioglu! Verrebbe proprio da dire così dopo aver visto quanto fatto dal turco in occasione di Gara 1. Il pilota Yamaha, reduce da una qualifica a dir poco disastrosa, scattava dalla 13^ casella e di conseguenza il suo sabato sembrava già segnato.

Peccato che in un giro sia riuscito a superarne 13, arrivando al primo posto per poi andare in fuga. Un qualcosa di veramente incredibile, che rimarrà per sempre impresso nella storia del Mondiale Superbike. Toprak vince quindi in casa di Rea e gli rosicchia altri cinque punti nella classifica iridata, arrivando a 15 lunghezze dal Cannibale.

“Che dire, non è stata una brutta gara, tantomeno una brutta partenza – ha esordito Toprak scherzando – al via avevo una sola chance, ovvero scattare e seguire la linea asciutta. Così ho fatto, anche se in curva due ho commesso un piccolo errore, perdendo del tempo prezioso. Per fortuna però questo imprevisto non mi ha condizionato, dato che sono riuscito a mantenere le posizione, passare le BMW e seguire Johnny”.

Una volta superato Rea è stata poi fuga per la vittoria.
“Oggi avevo una sola possibilità, sperare che la pista si asciugasse, dato che preferisco l’asciutto al bagnato. Nei primi giri la moto scivolava molto, infatti ci voleva poco a sbagliare e finire a terra, ma a parte ciò avevo quella fiducia che serviva”.

Il vero spavento è arrivato nel momento in cui Toprak ha tagliato il traguardo dell’ultimo giro.
“Quando sono rimasto senza benzina ho iniziato a guardare per capire dove fosse Rea, dato che avevo paura mi fregasse. Purtroppo all’ultimo giro la benzina era finita e questa non è proprio una belle cosa. Ringrazio però Alex Lowes, dato che mi ha aiutato a rientrare in pit lane. Dopo la gara avevo le braccia distrutte per aver spinto la R1 , però sono felice, dato che ho ottenuto punti importanti per il Campionato”.

Quella di Toprak è senza dubbio una rimonta che verrà ricordata a lungo.
“Come detto sono felice per la prestazione di questa gara, anche se in passato ho fatto qualcosa di simile. A Magny-Cours, nel 2019, vinsi dopo essere partito 16° in Gara 1. Oggi per noi è un bel sabato, ma dobbiamo già pensare a domani, dove sarà fondamentale essere nuovamente veloci”.

Articoli che potrebbero interessarti