Tu sei qui

SBK, Gerloff: “Guidare a Donington sembra di essere nel MotoAmerica”

“Questa pista mi ricorda alcuni tracciati come Virginia e Pittsburgh. È la terza pista che imparo in dieci giorni, ma saltare dalla MotoGP alla SBK mi dà grande motivazione”

SBK: Gerloff: “Guidare a Donington sembra di essere nel MotoAmerica”

Share


È la sua prima volta a Donington e di conseguenza non mancava l’attesa per vederlo all’opera. Giù il cappello di fronte alla prestazione di Garrett Gerloff, che in sella alla Yamaha ha messo in riga la concorrenza.

L’americano, reduce dal GP di Assen con Petronas, ha mostrato di sapere prendere velocemente confidenza con la pista, tanto da regolare la concorrenza.

“Non è andata male come prima giornata – ha esordito l’alfiere GRT – ieri ho fatto un giro a piedi della pista e oggi sono sceso in pista con la moto. Ho cercato di imparare velocemente il tracciato e stamani è stata un po’ complicata la situazione, visto lo scarso grip. Di sicuro la situazione è migliorata in FP2, dove ho trovato  fiducia e buone sensazioni”.

Garrett lancia poi un paragone.
“Donington mi ricorda alcune piste del MotoAmerica come Virginia o Pittsburgh, dato che ci sono alcuni punti in comune. Devo dire che il tracciato è molto scorrevole, anche se ho sofferto nel tratto finale. Preferisco infatti la parte iniziale della pista, però sono entusiasta”.

Infine una battuta sul weekend di Assen.
“Questa è la terza pista che imparo in dieci giorni, dato che lo scorso weekend ho conosciuto il TT, quest’oggi Donington e prima ancora Navarra. È ovvio che se conosci la tua moto, ovvero la SBK, la situazione è completamente diversa rispetto alla MotoGP. Devo però ammettere che saltare da una moto all’altra mi dà grande motivazione e voglia di fare bene”

Articoli che potrebbero interessarti