Tu sei qui

Polini aggiunge un ‘plus’ al suo rinnovato motore

E-P3+ rappresenta la nuova generazione di motore Polini per e-bike. Cinque mappature ed ingombri ridotti. Disponibile in due versioni, la più performante eroga 90 Nm.

News: Polini aggiunge un ‘plus’ al suo rinnovato motore

Share


Il segno plus è stato scelto da Polini per sottolineare la continua analisi, ricerca e sviluppo rispetto alla precedente generazione di motore elettrico per biciclette a pedalata assistita. Polini si è concentrata particolarmente  nella ottimizzazione dei volumi del  proprio EP-3+ ottenendo un ingombro laterale tra i più ridotti della categoria.Questo permette ai tecnici dei marchi di bici che collaborano con Polini di ottenere una maggior libertà progettuale telaistica nella zona di ancoraggio del motore. Per approfondire le tematiche inerenti lo sviluppo ed ingegnerizzazione di una eMTB vi rimandiamo a questo precedente articolo.

Polini EP-3+ è disponibile in due versioni. La ‘liscia’, con 75 Nm di coppia, è dedicata al mondo strada. La ‘frizzante’ MX è specifica per MTB ed eroga una coppia di 90 Nm. Come imposto dalla normativa, entrambe hanno la medesima potenza nominale (250 W) e la stessa soglia di assistenza (25 km/h). Il peso (2950 g) e la frequenza di pedalata massima (120 rpm) non variano per le due versioni. Differiscono nel valore della potenza di picco, 600W per la MX e 100W in meno per la versione stradale.

Sono selezionabili 5 mappature di cui 3 con valori prestabili e 2 configurabili dall’utente tramite l’app per smartphone che sarà disponibile ad autunno 2021. Si parte dalla mappa Touring: dolce e progressiva, ideale per un utilizzo quotidiano e maggiore durata di autonomia. Si passa poi alla Dynamic che ha un carattere più sportivo. Infine la più estrema Race che offre il massimo delle prestazioni e che è stata messa a punto grazie l’esperienza fatta nelle gare sia del Campionato World Series che del Campionato Italiano FMI. Sono disponibili 5 livelli di assistenza con un aiuto alla pedalata che va dal 30% al 400%.

Tutta la gestione elettronica è affidata al software PDC Polini Dynamic Control che è stato sviluppato con 4 obiettivi: precisione di erogazione della coppia di assistenza sempre in funzione dello sforzo applicato dal ciclista sui pedali; reattività nel seguire le variazioni di pedalata; riduzione del tempo di risposta da parte del motore quando si inizia a pedalare portando a zero il tempo di interruzione di spinta nel momento in cui si smette di pedalare; incremento assistenza attiva fino a 120 rpm.

Le informazioni sono facilmente leggibili grazie uno schermo a colori TFT da 2,5” dotato di adattamento automatico del colore e dell’intensità in base alla luce dell’ambiente. Il display mostra in maniera accurata la potenza di pedalata del ciclista, la cadenza, la potenza del motore e l’autonomia residua.

Articoli che potrebbero interessarti