Tu sei qui

SBK, La variante Delta non ferma la Superbike a Donington

LA SITUAZIONE - Nonostante gli oltre 20 mila contagi nel Regno Unito, la Superbike è stata classificata dal Governo come evento d’elite e tutto il paddock godrà di un permesso speciale senza dover rispettare la quarantena

SBK: La variante Delta non ferma la Superbike a Donington

Share


La Superbike vola nel Regno Unito per il quarto round stagionale di scena sulla pista di Donington. Dopo che lo scorso anno la tappa britannica saltò a causa del Covid, questa volta l’appuntamento torna in calendario sul tracciato delle Midlands Orientali.

Per l’occasione vedremo protagonista solo la Superbike, dal momento che SuperSport e SuperSport300 le riavremo a fine mese ad Assen. Sta di fatto che quella britannica si preannuncia come una trasferta a tutti gli effetti blindata con l’incubo del Covid dovuto alla Variante Delta che continua a incombere.

Ad inizio settimana i contagi sono arrivati a superare quota 20 mila e come ben sappiamo è prevista la quarantena in entrata nel territorio. A tal proposito la Dorna  ha lavorato alacremente per consentire a piloti e addetti ai lavori di raggiungere il tracciato di Donington evitando l’isolamento.

Proprio per questo motivo, tutto il paddock godrà di uno speciale permesso, dal momento che la gara della SBK è stata classificata dal Governo di Sua Maestà come evento d’elite, di conseguenza tutti coloro che parteciperanno non dovranno osservare la quarantena. Sarà però obbligatorio presentare un tampone molecolare con esito negativo all’entrata nel Paese, inoltre dopo il secondo giorno di permanenza in Regno Unito, il paddock dovrà sottoporsi a secondo tampone in autodromo per certificare la negativa di ogni persona presente.

Uno sforzo non da poco quello che ha dovuto fronteggiare la Dorna per consentire la buona riuscita dell’evento.   

Articoli che potrebbero interessarti