Tu sei qui

SBK, Evan Bros raddoppia: da Assen in pista anche Peter Sebestyen

SSP - Il giovane pilota classe 1994 sarà al via del Mondiale al fianco di Odendaal, grazie al contributo della Federazione ungherese per la crescita dei giovani talenit 

SBK: Evan Bros raddoppia: da Assen in pista anche Peter Sebestyen

Share


Evan Bros raddoppia, avete letto bene! A partire dal round di Assen, la squadra romagnola potrà fare affidamento su un secondo pilota oltre a Steven Odendaal. Si tratta di Peter Sebestyen, pilota ungherese classe 1994, la cui partecipazione è stata resa possibile grazie alla Federazione ungherese per la promozione dei giovani talenti. Di seguito il comunicato del team.  

L’Evan Bros. WorldSSP Yamaha Team è lieto di annunciare l’accordo raggiunto con il pilota ungherese Peter Sebestyen, per disputare insieme i restanti round della stagione 2021 del campionato WorldSSP. 

Dopo un primo test previsto per le giornate di venerdì 16 e sabato 17 luglio sul circuito di Most, Sebestyen inizierà la sua avventura in sella alla Yamaha YZF-R6 del team Campione del Mondo in carica a partire dal round di Assen, in programma il 23-24-25 luglio, formando insieme a Steven Odendaal, già vincitore di tre gare in questa stagione, una line-up di assoluto valore. 

Nato a Budapest il 16 maggio 1994, Sebestyen partecipa nel 2008 e nel 2009 alla Red Bull Rookies Cup, ottenendo una pole position e diversi piazzamenti in top ten. Nel 2009 partecipa anche al CEV, conquistando due quinti posti come miglior risultato. Dopo una breve parentesi nel mondiale 125 Peter sbarca nel 2013 nel paddock Superbike partecipando alla European Junior Cup, dove conquista un secondo posto. Le buone cose messe in mostra gli permettono l’anno successivo di debuttare in Superbike, per poi passare in Superstock1000, mentre nel 2016 torna in Superbike e conquista i suoi primi punti in categoria. 

Nel 2017 Peter debutta in Supersport, disputando le tappe europee del campionato. L’anno successivo resta in categoria, ma un cambio di squadra a stagione in corso gli permette di esprimersi in condizioni migliori negli ultimi appuntamenti stagionali, conquistando la top ten nel round finale in Qatar. Nel 2019 disputa la sua prima stagione completa nel WorldSSP, che lo vede conquistare punti in 11 round su 12, concludendo l’annata a pochi punti dalla top ten. La crescita esponenziale di Sebestyen si manifesta infine nel 2020 quando, per la prima volta in sella ad una R6, ottiene un sesto posto ad Aragon come miglior risultato stagionale. 

Fondamentale per la realizzazione di questo progetto l’apporto di HUMDA, Hungarian Motorsport Development Agency, decisa a puntare sull’Evan Bros. WorldSSP Yamaha Team e su Sebestyen nell’ambito di un piano di crescita del movimento motociclistico ungherese. 

Peter Sebestyen: “Faccio ancora fatica a realizzare che correrò con il miglior team della categoria. Ho seguito l’Evan Bros. WorldSSP Yamaha Team nelle ultime stagioni e sono rimasto colpito dai loro metodi e dalla loro mentalità: ho sempre sognato di far parte di un team di questo genere, ed ora il sogno è realtà. I miei punti di forza sono la tenacia, l’umiltà e la passione, che sfrutterò sin dal primo giorno in cui potrò salire in sella e lavorare con la mia squadra, dando il massimo. Ora sono concentrato al 100% sugli allenamenti, dato che il campionato WorldSSP richiede un grande sforzo, e voglio essere sin da subito nelle migliori condizioni. Voglio dire un grande grazie ad HUMDA per avermi dato questa opportunità: è un onore rappresentare il mio paese, e sono felice che gli sforzi di questi anni abbiano prodotto tale risultato”. 

Fabio Evangelista (Team Principal): "Sono molto contento di accogliere Peter Sebestyen nella nostra squadra, per iniziare questa nuova avventura dal round di Assen. È un pilota che ho seguito per alcuni anni, con un potenziale inespresso che io e tutta la squadra cercheremo con tutte le nostre forze di far emergere. Peter avrà a disposizione il miglior pacchetto possibile, con una squadra composta da elementi di valore e sono convinto che, anche se non ha fatto i test invernali con noi, dopo un breve periodo di adattamento sarà pronto ad ottenere ottimi risultati. Vorrei ringraziare sinceramente HUMDA per il grande sforzo profuso per raggiungere questo accordo: sono consapevole di quanto il movimento motociclistico ungherese voglia espandersi in questi anni, ed essere parte di questo progetto è un grande onore. Infine, sono convinto che con due piloti il nostro team possa brillare, come ha già ampiamente dimostrato nel 2019, quindi questa nuova sfida ci dà molti stimoli per il futuro, che vivremo insieme a Yamaha ed ai nostri sponsor”.

Articoli che potrebbero interessarti