Tu sei qui

Suzuki: la sportiva col turbo da oltre 130 CV è più vicina

Un nuovo brevetto riguardante gli scambiatori di calore e il circuito dell'olio lascia pensare che dopo anni, la sovralimentata di Hamamatsu possa vedere la luce

Moto - News: Suzuki: la sportiva col turbo da oltre 130 CV è più vicina

Share


C'era una volta la Suzuki Recursion, concept presentato al Salone di Tokyo del 2013 e che doveva far rivivere i fasti degli anni '80, quando la corsa all'oro delle Quattro Grandi Sorelle giapponesi era verso la sovralimentazione. Ne è passata di benzina nei serbatoio delle moto di Hamamatsu, eppure della moto col turbo, fatta eccezione per qualche brevetto spuntato di tanto in tanto, non c'è più stata traccia.
Dal 2019 ad oggi però sembra che il lavoro di Suzuki per portare a compimento il progetto faccia passi da gigante, e proprio dalla terra del Sol Levante arrivano le ultime indiscrezioni.

Il Turbo che avanza

Proprio qualche giorno fa infatti Suzuki ha depositato brevetti di soluzioni tecniche specifiche per un motore sovralimentato. Nello specifico si parla di circuito di raffreddamento e scambiatore di calore per l'olio, che verrà posizionato con una scelta estremamente innovativa, nell'airbox e in più un altro schema che evita la cavitazione nel circuito lubrificante.

Arriva la Recursion?

Sembra proprio che sia il turno di passare da bozzolo a farfalla, perché gli schemi depositati mostrano una naked (o una carenata spogliata) che sarebbe tutto sommato simile nel telaio, nel posizionamento del motore e in altri dettagli al concept del 2013.
I colleghi spagnoli di Solo Moto hanno riportato indiscrezioni sulla potenza, che dovrebbe superare i 130 CV, dando così nuova linfa e un ulteriore slancio al mercato delle sportive sotto il litro di cilindrata. Una cifra, quella sulla potenza, che non fa certo gridare al miracolo visto che le Kawasaki H2 sono capaci di ben altro. Ma la chiave di volta di Suzuki potrebbe risiedere nel realizzare una moto più leggera e agile delle sovralimentate di Akashi. Rimane la domanda più grande: quando arriva? Difficile ipotizzarlo, sicuramente non prima del secondo semestre 2022.

Articoli che potrebbero interessarti