Tu sei qui

MotoGP, Non solo Aprilia: per Maverick Vinales spunta anche la pista Ducati-VR46

Entrambe le piste portano in Italia: Noale o Borgo Panigale? Il Principe di Aramco potrebbe sopportare il definitivo ritiro di Rossi se avesse comunque un top rider in squadra

MotoGP: Non solo Aprilia: per Maverick Vinales spunta anche la pista Ducati-VR46

Share


Con un comunicato, Yamaha ha annunciato che Maverick Vinales non sarà più un suo pilota al termine del 2021. Una decisione consensuale, figlia di rapporti ormai giunti alla rottura e non più risanabili. Ognuno andrà per la sua strada, il cui percorso al momento non è certo per nessuna delle due parti.

Quella di Vinales sembra essere diretta in Italia, ma c’è un bivio e dovrà scegliere se andare verso Noale o Borgo Panigale. Non è una novità che Aprilia sia alla disperata ricerca di un pilota da affiancare ad Aleix Espargarò, con Dovizioso non così convinto di rimettersi i panni del pilota a tempo pieno, le alternative mancano.

Si è battuta e si sta battendo la strada della Moto2 (Raul Fernandez compreso), ma non ci sono grossi nomi fra cui scegliere. Maverick rappresenterebbe il classico regalo piovuto dal cielo: un pilota esperto, veloce, che nelle giuste condizioni potrebbe portare la RS-GP molto in alto.

Logicamente Massimo Rivola si sfrega le mani, ma rimane da vincere la concorrenza della Ducati. Vinales è stato a un passo da vestirsi di rosso a inizio 2020. Il contratto era già pronto, ma intervenirono all’ultimo momento i vertici di Yamaha in Giappone e riuscirono a convincere lo spagnolo a restare.

Una Desmosedici libera ci sarebbe in questo momento, quella dell’ex compagno di squadra Valentino Rossi. Il team Aramco VR46 è una realtà, ma i piloti non sono stati ancora annunciati. Una moto sarà per Luca Marini, ma l’altra?

Il principe saudita, grande finanziatore dell’operazione, vorrebbe vedere il Dottore lì sopra, ma è tutt’altro che scontato che Valentino esaudisca il suo desiderio.

Il piano sarebbe stato assegnarla a un pilota dell’Academy, Marco Bezzecchi, ma con Vinales sul mercato potrebbe cambiare. Lo spagnolo si ritroverebbe in un team satellite, ma solido finanziariamente e Ducati non mancherebbe di dargli tutto il supporto necessario, come sta accadendo, ad esempio, con Zarco in Pramac.

Se Maverick è di fronte a una scelta, Yamaha ne ha ancora di più. Le uniche certezze sono Quartararo e Morbidelli, tutto il resto è avvolto nella nebbia.

Di un Valentino che potrebbe decidere di fermarsi abbiamo già detto e, se così fosse, resterebbero due M1 in cerca di un pilota. Facile pensare a un passaggio di Franco al team ufficiale per riformare la coppia con Fabio, ma il Morbido ha un contratto con Petronas, non con Yamaha, e non è detto che il team malese voglia privarsi del suo gioiello dopo avere già ingoiato il boccone amaro di avere quest’anno una moto aggiornata per il suo pilota.

A questo punto, ogni possibilità è valida. A partire da Gerloff e Razgatlıoğlu, per passare a Dixon e, perché no se Vinales andasse in Ducati, Marco Bezzecchi. Del resto la notizia dell’addio di Maverick è così fresca, che non c’è stato ancora tempo per pensare.
Se i manager pensavano di iniziare oggi le loro vacanze, dovranno spostare i loro voli.

 

Articoli che potrebbero interessarti