Tu sei qui

MotoGP, Nakagami: "la vittoria di Marquez non cambia nulla, non ho niente da perdere"

"E' stata bello vederlo vincere al Sachsenring, ma qui ad Assen è completamente diverso, Marc sembra in difficoltà a trovare la velocità. Io partirò con le medie, fatico a far entrare in temperatura le dure"

MotoGP: Nakagami: "la vittoria di Marquez non cambia nulla, non ho niente da perdere"

Share


Scatterà dalla seconda fila con il quarto tempo, esattamente alle spalle di Maverick Vinales, Takaaki Nakagami, il miglior pilota della Honda ad Assen.

Il pupillo di Lucio Cecchinello nel team LCR si è qualificato a mezzo secondo dal tempo-mostre di Maverick, facendo meglio della coppia del team ufficiale Repsol-Honda, Pol Espargarò, 11esimo e Marc Marquez, addirittura 20esimo o, come si potrebbe scrivere, terzultimo.

Naturale dunque se gli si chieda se senta il peso della responsabilità, specie dopo la vittoria di Marquez al Sachsenring che ha interrotto la striscia di risultati inadeguati del colosso nipponico.

“In realtà non è cambiato niente dopo la vittoria di Marquez in Germania - spiega- Ovviamente è stata bella da vedere, ma ora qui ad Assen è completamente diverso, Marc sembra in difficoltà a trovare la velocità, certo la motivazione c’è, perché lui ce l’ha fatta ed ora è il mio turno a cercare di cogliere il massimo risultato per la squadra, ma non penso alla strategia: è una grande opportunità per battersi per il podio. Dunque una buona cosa per noi. Non ho niente da perdere. E questo è tutto. Se non riuscirò va bene lo stesso ma ci proverò”.

Taka ha mostrato un buon passo, ma forse non sarà sufficiente per battere le Yamaha.

“Attualmente ho buone sensazioni ed un buon passo con le gomme medie. Non posso usare la dura perché ci metto troppo tempo a portarla in temperature, quindi non va bene per la gara. Al momento direi che ho la confidenza per fare un buon GP, ma le due Yamaha, Vinales e Quartararo sembrano più veloci e consistenti e penso che sarà anche difficile seguirli, ma ci proverò fin dall’inizio. La cosa importante è fare una buona partenza e stargli dietro. Non ho niente da perdere, quindi come ho detto cercherò di ottenere il massimo”.

Un attimo di riflessione, poi la conclusione.

“E’ difficile comparare questa con le gare che abbiamo fatto qui nel passato, ora siamo tutti molto vicini. Ho buone sensazioni, ma non dobbiamo pensare troppo a questa stagione nella quale siamo stati molto deboli dal punto di vista dei risultati. Questo fine settimana sembra però buono.

Articoli che potrebbero interessarti