Tu sei qui

SBK, BSB FP1: Jason O'Halloran vola sul bagnato a Oulton Park

Il portacolori McAMS Yamaha il più veloce sotto la pioggia nella prima sessione di libere del British Superbike 2021. In seconda e terza posizione i fratelli Andrew e Glenn Irwin. All'interno della top-12 le tre Ducati. Nel pomeriggio la FP2

SBK: BSB FP1: Jason O'Halloran vola sul bagnato a Oulton Park

Share


In occasione dell’avvio della stagione del 25esimo anniversario dalla nascita del campionato, il British Superbike ha trovato nuovamente le peculiarità tipiche della terra d’Albione: pioggia, freddo e pista bagnata (meno male che luglio è quasi alle porte verrebbe da dire..). Davanti ai 4.000 tifosi presenti quest’oggi sui prati verdi di Oulton Park, i 29 partenti del BSB hanno ufficialmente aperto le danze del 2021 con la prima sessione di prove libere del week-end. Tanti gli spunti d’interesse, tra conferme e piacevoli sorprese, con tre differenti marchi nelle zone alte della classifica a dimostrazione del grande equilibrio.

O'Halloran in testa

Le previsioni ci avevano giusto e, se le classi di contorno hanno avuto la possibilità di aprire la mattinata sull’asciutto, durante la pausa pranzo le gocce d’acqua hanno fatto la loro comparsa sull’impianto del Cheshire, lasciando senza scampo squadre e piloti del British Superbike che fino all’ultimo avevano sperato in una FP1 “regolare”. Ciononostante, Jason O’Halloran si è confermato il pilota da battere anche in condizioni di scarsa aderenza. Tutt’uno in sella alla YZF-R1 del Team McAMS Yamaha, nonché mattatore dei test pre-season, l’australiano ha fermato il cronometro sul 1’46”353 proprio nelle battute finali. Niente da fare per Andrew Irwin, passato nell’inverno al SYNETIQ BMW by TAS, secondo a soli 30 millesimi dal rivale e per buona parte del turno al comando delle operazioni. In terza posizione l’altro fratello Irwin, Glenn, sulla CBR 1000 RR-R di Honda Racing UK. Alle sue spalle si è inserito Danny Buchan (SYNETIQ BMW by TAS), a dimostrazione dei passi in avanti della M1000RR, mentre hanno ben impressionato Danny Kent (Buildbase Suzuki) e Josh Owens (Rapid CH Racing Kawasaki), rispettivamente quinto e sesto a quasi un secondo dalla vetta.

FP2 cruciali

Certo, la sessione in questione si è rivelata un vero e proprio terno a lotto con repentini cambiamenti in cima alla graduatoria, oltretutto i riferimenti sono assolutamente da prendere con le pinze. Ciononostante, considerato il nuovo format denominato “BSB Superpicks Qualifying” che consente ai migliori 12 della combinata del venerdì di accedere direttamente alla decisiva Q2, tra i vari si sono momentaneamente qualificati pure le Panigale V4-R di Christian Iddon (VisionTrack PBM Ducati), ottavo, Tommy Bridewell (Oxford Racing MotoRapido), nono, e il Campione 2020 in carica Josh Brookes (VisionTrack PBM Ducati), al limite del taglio in 12esima posizione.

Tante cadute

Le insidie dell’asfalto di Oulton Park (con i suoi 18 gradi..) hanno causato numerose vittime: Dan Linfoot (TAG Racing) alla Hislops, Xavi Forés (FHO Racing) alla Shell Oils Corner, Bjorn Estment (Catfoss Racing Suzuki) e Luke Hopkins (Hopkins Racing), entrambi alla Lodge. Per fortuna, nessuno di loro ha riportato particolari conseguenze. Il British Superbike tornerà in pista alle 16:50 (orario italiano) in vista della seconda sessione di prove libere.

I RISULTATI DELLA FP1:

 

Articoli che potrebbero interessarti