Tu sei qui

MotoGP, Mir: "dobbiamo sistemare la Suzuki sul veloce, qui è essenziale"

"Abbiamo ancora qualche problema di stabilità sopratutto nelle curve veloci nei settori 3 e 4, e questo è un tracciato in cui la stabilità conterà molto". Rins: "La moto si muove, ma non saprei dire se è per il braccio che ancora mi duole"

MotoGP: Mir: "dobbiamo sistemare la Suzuki sul veloce, qui è essenziale"

Share


Joan Mir,  quinto in campionato con 85 punti, ha macinato i primi giri di prove sul tracciato olandese cercando il setup migliore per la sua Suzuki in vista della gara di domenica, l'ultima prima della pausa estiva. Il suo 7° tempo ed il 5° del compagno di squadra Alex Rins  consentiranno ad entrambi di passare direttamente in Q" qualora le condizioni meteo si mantenessero instabili.

"Abbiamo provato in entrambe le condizioni, sia asciutto che bagnato, e con entrambe avevamo un buon passo. C'è ancora qualcosa da migliorare, vedremo domani se riusciremo a provare di più sull'asciutto, qui è sempre difficile predire quali saranno le condizioni della pista".

Com'è il nuovo asfalto di Assen, qualche difficoltà per la Suzuki ad Assen?
"Penso che abbiamo ancora qualche problema di stabilità della moto, sopratutto nelle curve veloci nei settori 3 e 4, e questo è un tracciato in cui la stabilità conterà molto. Abbiamo sicuramente dei margini di miglioramento e lavoreremo molto su questo aspetto. Sul bagnato mi sono trovato bene, penso che non avremo problemi".

Il quarto settore è proprio quello in cui dovrai attaccare durante la gara, riuscirete a sistemare la moto in tempo?
"La Suzuki è sempre stata forte nelle curve veloci, per poter fare bene qui ad Assen sistemare quel problema di stabilità sarà essenziale".

Alex Marquez si è lamentato dei dossi sul tracciato, dovuti probabilmente al nuovo asfalto. Hai avuto la stessa impressione?
"E' vero che ci sono molti dossi, sopratutto nelle curve veloci, ma la maggior parte sono gli stessi dossi che c'erano prima che rifacessero l'asfalto, credo siano riusciti a sistemare i dossi più piccoli ma quelli grandi siano rimasti. Per certi versi fa parte del divertimento qui ad Assen".

Parlando delle gomme, sembra che userete delle mescole più standard, questo potrebbe darvi dei vantaggi in vista della gara di Domenica?
"Si, non ci sono asimmetriche e sicuramente questo ci faciliterà la scelta, ma dovremo comunque considerare le condizioni del tracciato, sia che si corra sull'asciutto che sul bagnato, specialmente con questo nuovo asfalto. Ho provato sia le morbide che le medie, non penso che avremo bisogno delle mescole dure, e ho avuto ottime sensazioni con entrambe le opzioni".

Alex Rins: sento dolore ma stringo i denti

Il suo compagno di squadra, Alex Rins,  si mostra determinato a stringere i denti per affrontare la gara nonostante l'infortunio, l'ultima prima della provvidenziale pausa estiva.

"E' stata tutto sommato una giornata positiva, ho provato molto la mescola morbida facendo diversi giri per trovare il giusto feeling con la moto. Peccato per il dolore alla mano che continua a farsi sentire e sicuramente impatta negativamente sulla mia performance, ma cerco lo stesso di stringere i denti per non perdere la concentrazione".

Il tuo compagno di squadra ha parlato di un problema di stabilità della Suzuki in curva, è così anche per te?
"La moto si muove, ma non saprei dire quanto di questo fosse dovuto alla moto stessa od al mio braccio che sicuramente fatica ancora a tenere la moto. Sicuramente abbiamo da lavorare anche su questo aspetto".

Se domenica si dovesse correre sul bagnato?
"Lo preferirei, mi trovo bene sul bagnato e sarebbe meno impegnativo per il mio braccio".

E per quanto riguarda la scelta delle gomme? Le anteriori sembrano piuttosto standard.
"Penso che per l'anteriore la scelta sarà facile, la morbida e la media sono entrambe ottime opzioni. Per la gomma posteriore sarà più complicato, Oliveira e Quartararo hanno girato bene con la mescola dura sul posteriore, Vinales ha fatto bene con una media già usata dopo molti giri, ma il consumo non dovrebbe essere un problema su questo tracciato".

Che aspettative hai per le qualifiche di domani?
"Sarà dura, sembra che Maverick abbia un buon passo e forse non ci arriviamo col Setup migliore, ma i ritmi sono molto alti per tutti i piloti, difficile dire oggi chi passerà direttamente in Q2 domani".

Articoli che potrebbero interessarti