Tu sei qui

MotoGP, Michelin: il nuovo asfalto facilita il lavoro delle gomme ad Assen

E' stato un buon inizio di weekend ad Assen per la Michelin. La pista è stata completamente riasfaltata un anno fa, quindi il grip è molto buono e questo rende tutto più facile dal punto di vista delle gomme

MotoGP: Michelin: il nuovo asfalto facilita il lavoro delle gomme ad Assen

Share


E' stato un buon inizio di weekend ad Assen per la Michelin.  La pista è stata completamente riasfaltata un anno fa, quindi il grip è molto buono e questo rende tutto più facile dal punto di vista delle gomme.
 
Asciutto al mattino con una temperatura della pista di 28° C.
Asciutto all'inizio della sessione pomeridiana, ma è iniziato a piovere dopo circa 15 minuti. La temperatura della pista è scesa da 30 a 25° C.
 
In generale le gomme funzionano bene (davanti e dietro) con una buona aderenza e sensibilità.  Le gomme sembrano buone dopo l'uso, senza eccessiva usura e con temperature normali.
 
Anteriore:
Morbido: Buona aderenza e sensibilità.  Ha funzionato molto bene la mattina per tutti e nel pomeriggio per i piloti che non stressano le gomme.
Media: Più supporto ma meno grip delle Soft.
Pioggia: Ottimo grip e buon feedback, anche se un po' morbida sul lato destro a causa delle forze di frenata.
 
Posteriore:
Soft: grip molto buono. Più di Medium e nessun calo è stato riportato.
Medio: Buon pneumatico con buona stabilità e livelli di aderenza. Buon riscaldamento e buon aspetto visivo quando utilizzato.
Duro: Stabilità molto buona, ma sono necessari 2 giri di riscaldamento. Poi ha funzionato bene ma con meno potenziale di Med o Soft nelle condizioni di oggi.
Pioggia: Ottimo grip iniziale senza apparente perdita di potenziale.
 
MotoE:
 
FP1 è stata fatta con gomme usurate dalla precedente e-pole. Buon riscaldamento dell'anteriore e del posteriore, con un buon supporto. Il grip era vicino al livello delle gomme nuove, e il feedback era prevedibile e progressivo.
 
Le FP2 con le gomme nuove sono state molto buone.  Ottimo feeling e grip dall'anteriore. Il grip del posteriore era buono, con pochissimo drop-off e una gestione progressiva.

 

Articoli che potrebbero interessarti