Tu sei qui

MotoGP, Test Dovizioso e Aprilia a Misano: i primi scatti delle prove di matrimonio

Continua la collaborazione tra Andrea e la Casa di Noale, con il terzo test, questa volta non condizionato dal maltempo. Rivola è stato chiaro, adesso serve una risposta

MotoGP: Test Dovizioso e Aprilia a Misano: i primi scatti delle prove di matrimonio

Share


I test di Andrea Dovizioso in sella all'Aprilia a Misano si stanno svolgendo con le porte del tracciato aperte al pubblico, ma senza comunicazioni da parte della Casa di Noale. L'obiettivo di questo test era chiaro, ovvero lasciare Dovizioso totalmente concentrato sul proprio ruolo di tester nel primo giorno davvero utile di prove assieme. Le prove precedenti di Jerez e Mugello sono state pesantemente condizionate dal maltempo, mentre Misano ha accolto con il sole la coppia tutta Made in Italy. 

Non ci sarà dunque una nota con le dichiarazioni del pilota al termine della giornata e probabilmente si dovrà attendere domani per poter parlare con Dovizioso delle sensazioni provate durante una due giorni di test davvero importante. Le prime due sessioni hanno incuriosito, hanno permesso al Dovi di familiarizzare con il sistema di lavoro nei box e gli hanno consentito di suggerire le modifiche necessarie per rendere l'ergonomia della RS-GP perfetta per il suo stile.

Adesso però le cose sono diverse, perché il meteo è clemente, la moto oggettivamente competitiva ed è finalmente arrivato il momento di spingere al limite. Quel limite che Andrea ha spesso superato in carriera, arrivando a contendere tre titoli iridati a Marc Marquez. L'impegno per la stagione 2021 proseguirà con un programma di test che si articolerà attraverso i vari tracciati fino a fine stagione. I dubbi riguardo la partnership riguardano invece il futuro.

Dovizioso non ha mai apertamente parlato di ritorno in gara, Aprilia ha dato al pilota tutto il tempo necessario per prendere confidenza con l'ambiente di Noale, con gli ingegneri e soprtattutto con la moto. Massimo Rivola è però stato molto chiaro al Sachsenring, quando gli è stato chiesto qualcosa sul futuro di questa coppia italiana. Rivola ha giustamente chiarito che la situazione di Dovizioso è ben diversa da quella di Iannone. In quel caso Aprilia decise di aspettare fino all'ultimo minuto utile, restando al fianco del pilota anche a costo di vedere sfumare tutte le alternative di mercato una dopo l'altra. 

Ma questa volta è diverso e Rivola è stato chiaro al riguardo: "Non aspetteremo come fatto con Iannone. Dovizioso ad un certo punto dovrà dirci se vuole correre o meno nel 2022, per avere la possibilità di trovare valide alternative". Ecco dunque che il test di Misano assume un significato particolare, perché si disputa proprio prima della pausa estiva, il momento perfetto per trattare il futuro. Se dovesse scoccare davvero l'amore tra Dovizioso e la RS-GP, forse le chance di vederli in gara assieme nel 2022 in gara aumenterebbero esponenzialmente. 

Dovizioso potrebbe capire di avere il potenziale per lottare al top, ovvero quel tipo di sfida che cerca un pilota con il suo palmares. D'altra parte, Andrea potrebbe anche decidere che per quanto gli piaccia questa avventura, la vita da 'pensionato' della MotoGP gli piace ancor di più. Dani Pedrosa ha fatto una scelta precisa nella stessa situazione, scegliendo di vivere il proprio ruolo in KTM senza la pressione dei weekend di gara. Magari non conosceremo il futuro di Dovizioso e Aprilia domani, ma questa due giorni di Misano potrebbe in ogni caso rivelarsi decisiva. 

Articoli che potrebbero interessarti