Tu sei qui

Dorna e IRTA dicono basta: penalizzazioni pesanti in gara in Moto3

Due riunioni, una con i piloti e l'altra con i team manager, per spiegare loro che non verranno più accettati comportamente antisportivi o scorretti

Moto3: Dorna e IRTA dicono basta: penalizzazioni pesanti in gara in Moto3

Share


Le cose in Moto3 devono cambiare, e in fretta. Lo spettacolo andato in scena nella gara di Barcellona è stato vergognoso con pilota che cambiavano più volte traiettoria in pieno rettilineo e altri che rallentavano improvvisamente, causando ripetutamente situazioni di pericolo. È ora di dire basta, come hanno dichiarato anche i piloti della MotoGP, perciò Dorna e IRTA hanno convocato due riunioni in cui hanno parlato prima con i piloti e poi con i team manager.

A spiegare cosa si sono detti è stato il direttore sportivo di Dorna Carlos Ezpeleta: “abbiamo costantemente cercato di fare capire ai piloti i rischi che corrono in pista, ma sfortunatamente a Barcellona abbiamo visto una gara più pericolosa di quello che dovrebbe essere a causa dell’atteggiamento dei piloti. Abbiamo avuto una riunione con loro al termine, in cui abbiamo detto loro che non è accettabile che chiudano il gas o taglino le traiettorie, e abbiamo fatto lo stesso con i team manager qui al Sachsenring per cercare di minimizzare i pericoli. Se le cose non cambieranno, saranno penalizzati”.

Anche il presidente dell’IRTA, Hervé Poncharal, è d’accordo sul fatto che serva un giro di vite: “ci piace correre, ci piacciono le lotte, ma la sicurezza deve essere sempre davanti a tutto. Moto3 è la classe più emozionante, ma anche quella con i piloti più vicini e molto battaglieri, bisogna educarli, spiegare loro che posso arrivare a un certo punto. Abbiamo già introdotto delle penalizzazioni per certi atteggiamenti nelle prove libere e in qualifiche e la situazione è migliorata. La gara di Barcellona è stata pazza e quello che abbiamo visto non ci è piaciuto, è stato pericoloso. Ci sono stati giri in cui alcuni piloti hanno rallentato anche di un secondo e quando quelli dietro arrivavano rischiavano di tamponarli. In questa riunione Carmelo Ezpeleta, Carlos Ezpeleta e Mike Trimby hanno spiegato la loro visione delle cose, senza dare regole specfiche, ma dicendo loro che non si può zigzagare e rallentare, bisogna comportarsi come sportivi e non giocare sporco. Sarà compito dei team manager spiegare come i loro piloti devono guidare e, naturalmente, la Direzione Gara imporrà dure penalizzazioni in caso di atteggiamenti antisportivi o scorretti. Sono sicuro che sarà difficile piloti cambiare, ci saranno delle penalizzazioni, ma poi le cose miglioreranno”.

Articoli che potrebbero interessarti