Tu sei qui

Prova Seat MÓ eScooter 125: hi-tech, silenzioso e premium

Abbiamo provato lo scooter elettrico che porta al debutto la casa automobilistica spagnola nel mondo delle due ruote. Ecco come va

Moto - Test: Prova Seat MÓ eScooter 125: hi-tech, silenzioso e premium

Share


Che ci piaccia o no, la mobilità urbana si trova a un punto di svolta: monopattini, biciclette e scooter ora sono elettrici. E alla lista delle proposte per fare commuting a zero emissioni si aggiunge Seat, con il suo MÓ eScooter 125. Un mezzo pensato per chi fa del casa-lavoro la sua rotta quotidiana ma che non disdegna la gita fuori porta nel weekend, seppur a corto raggio, visto che tra i maggiori pro di questo scooter c’è l’autonomia di quasi 140 km. E per realizzarlo Seat ha stretto una collaborazione con Silence, azienda che produce veicoli elettrici a Barcellona.

Tecnologia collaudata e un design che lo rende facilmente distinguibile nel panorama: il MÓ eScooter 125 è infatti curato nei dettagli, con una proiezione verticale delle sovrastrutture che lo rende particolarmente compatto alla vista e l’uso di materiali che lo fanno percepire come solido e premium a cui si aggiunge il gruppo ottico LED. La batteria da 5,6 kWh  trasportabile, con tanto di rotelle e maniglia come da tradizione Silence, e la app dedicata che permette di accendere lo scooter, accedere al vano sotto sella (particolarmente capiente per la categoria, visto che contiene due caschi jet) e controllare i parametri del mezzo è la cicliegina sulla torta.

Come un 125 cc, ma più grande

Lo scooter di Seat porta nel nome un elemento estraneo ai veicoli a zero emissioni, ovvero la cilindrata. Serve per contestualizzare le sue prestazioni, visti i 12 CV (i Nm sono 240, miracoli dell’elettrico), ma salendo in sella la sensazione è quella di essere su l’equivalente elettrico di uno scooter che vira più verso il quarto di litro, perché lo spazio è tanto e la sensazione di controllo anche maggiore. La pedana piatta certo aiuta, e il posizionamento del pacco batterie è intelligente perchè tiene basso il baricentro dello scooter e soprattutto rende la guida fluida e intuitiva. Non certo un dettaglio scontato per un e-scooter. Nel traffico è svelto ma maneggevolissimo nonostante i 152 kg  di peso, e al semaforo se la cava più che bene visto che lo 0-50 km/h lo completa in 3,9”. La scelta della calzata, ricaduta sulle Pirelli Angel Scooter (da 120/70 sul cerchio anteriore da 15” e 140/70 sul posteriore da 14”) lo rendono stabile anche quando la velocità aumenta.

Certo il setting delle sospensioni risulta abbastanza sostenuto sui sampietrini di Verona, ma basta uscire dal traffico caligero per scoprirne il motivo. Una volta cambiata la modalità di guida da City a Sport (che insieme alla Eco è quella in cui si avverte la sensazione del “freno motore”) lo scooter elettrico di Seat diventa un divertente compagno mangia curve: non certo paragonabile a un maxi-scooter o a una naked media, ma più a un ottavo di litro kittato per bene. L’assetto azzeccato e la mappa più brillante permettono di dimenticarsi dei freni, due elementi da 260 e 240 mm con pinza a doppio pistoncino all’anteriore, che comunque se chiamati in causa rispondono puntualmente e non lasciano che l’ABS diventi invasivo e il sistema combinato al posteriore aiuta anche i meno esperti. La velocità è limitata a 95 km/h, ampiamente sufficiente agli scopi del MÓ. Il resto lo fanno la frenata rigenerativa, che nelle mappe già citate è ben avvertibile ma aiuta nel preservare la’utonomia, e il comfort generale: lo scudo è stretto ma protegge bene, il cupolino anche se piccolino devia l’aria dal busto.

Il pieno con 1 euro (o poco più)

Seat MÓ eScooter 125 si ricarica attraverso presa domestica e impiega dalle 6 alle 8 ore per raggiungere il 100%. Il pacco batterie è abbastanza pesante (40 kg) ma le ruote facilitano la vita e, conti alla mano, con 1,08 euro di spesa si completa una ricarica che permette di percorrere quasi 140 km. Un bel vantaggio rispetto ai pari prestazioni endotermici.

Il prezzo

Seat MÓ eScooter 125 è già disponibile nelle concessionarie della Casa Spagnola a 6.750 euro in tre colorazioni (rosso, grigio, bianco). Approfittando della promozione e degli ecoincentivi però il prezzo scende a 4.230 euro.

Articoli che potrebbero interessarti