Tu sei qui

SBK, Redding: “Questo weekend era meglio starsene al mare”

“Sono arrivato a Misano per vincere, invece ho sofferto senza sapere il perché. Torno a casa con tante domande e senza risposte”

SBK: Redding: “Questo weekend era meglio starsene al mare”

Share


Le aspettative di Scott Redding si sono sciolte come neve al sole a Misano. Se la tappa della Riviera doveva  essere l’occasione per riscattare lo scivolone di Estoril, il portacolori Aruba non è riuscito a salire una sola volta sul podio nell’arco di tutto il weekend. Come se non bastasse, Rea è addirittura fuggito nella classifica iridata, volando a

A tal proposito Scott cerca di sdrammatizzare con una battuta: “Questo weekend era meglio starsene al mare”. In seguito Redding entra nel merito delle sofferenze patite.

“Abbiamo migliorato le sensazioni in sella alla moto, ma non le prestazioni – ha spiegato - c’erano alcuni aspetti positivi qua a Misano, ma mancava quella fiducia che avevo al solito. Oggi, nei primi giri, ero vicino al gruppo dei migliori, infatti ho cercato di gestire, utilizzando però più del dovuto la gomma anteriore. Purtroppo ho sofferto, infatti molte volte sono andato lungo, mentre in altre curve faticavo a curvare”.

Come se non bastasse Rinaldi ha vinto, mentre Bassani è arrivato vicino ai migliori.
“Questa pista e le temperature del weekend pare abbiano esaltato i piloti più piccoli rispetto a me, inoltre la gara di casa ti dà sempre una carica in più, dato che corri sulla tua pista, che ben conosci. Se fate caso, io e Chaz abbiamo sofferto”.

Il dispiacere è quindi grande da parte del numero 45.
“Ero venuto qua per vincere, invece ho sofferto. Non so perché ho sofferto, forse dipende dal mio peso, magari dalla gomma oppure dal nuovo assetto. Ho tante domande dentro di me, ma mi mancano le risposte. Sfrutterò le prossime settimane per riflettere, capire e cercare le giuste risposte”.

Adesso l’attenzione è rivolta su Donington.
“Magari a Donington avrò gli stessi problemi di questo weekend oppure lotterò per la vittoria, quello lo vedremo a luglio. Servirà fare un passo avanti, dato che siamo una squadra ufficiale. Dovremo prendere un problema alla volta e risolverlo al meglio, cercando la giusta direzione da seguire, ma anche una maggiore prestazione dalla gomma”.

 

Articoli che potrebbero interessarti