Tu sei qui

SBK, Rinaldi: “Con Dall’Igna ho fatto un patto, spero non sia qua domenica”

“Se domani dovessi essere veloce, Gigi mi ha detto che non verrà. Aiutare Redding? Siamo alla terza gara, io farò la mia strada”

SBK: Rinaldi: “Con Dall’Igna ho fatto un patto, spero non sia qua domenica”

Share


C’è una Ducati che brilla nel pomeriggio di Misano. È la Rossa di Michael Rinaldi. Sulla pista di Misano il romagnolo ha fatto valere la propria superiorità, tanto da chiudere in bellezza la sessione di libere.

Meglio di così non poteva quindi iniziare il suo fine settimana su un tracciato che nasconde ben pochi segreti per uno come lui.  

“Dai, non è andata male questa prima giornata – ha esordito – purtroppo queste sono solo le prove libere. Dopo un inizio di Campionato complicato oggi ho trovato la giusta fiducia in pista e sono riuscito a essere veloce. Qua a Misano ho voluto lavorare facendo un passo alla volta, senza aver fretta. Mi è dispiaciuto per stamani, dato che non sono riuscito a guidare la moto come volevo”.

Michael ha infatti dovuto trovare le giuste misure con la Rossa.
“Stamani ero stanco e non riuscivo a guidare come volevo. La squadra però mi ha aiutato, trovando  una buona soluzione. Al pomeriggio sono infatti riuscito a essere veloce con il passo gara, riscontrando le dovute sensazioni”.

Di sicuro a Misano l’alfiere Aruba sogna in grande ed è cosa lecita.
“Dopo le prove libere posso dire di essere uno dei più veloci e di poter provare a lottare per la vittoria. Sono sicuro che anche Scott potrà arrivare al successo qua a Misano, così come Rea e Toprak. Vedremo quindi cosa accadrà”.

Nel box Aruba oggi è comparso anche Dall’Igna.  
“Ho visto Gigi, è venuto qua a Misano ed è stato un piacere parlare con lui. È una persona che sa ascoltare, inoltre ha mostrato molta attenzione nel momento in cui mi confrontavo col mio capotecnico.  Ovviamente con la MotoGP lui non può essere qua in SBK, ma oggi è stato importante averlo con noi”.

Tra i due c’è poi stato un patto.
“Oggi ero primo e mi ha detto che domani non torna, dato che secondo Gigi non ho bisogno di lui. Ci siamo però messi d’accordo che, qualora domani dovessi faticare, tornerebbe domenica. A questo punto però spero non venga domenica (scherza)”.

Come detto Rinaldi ha mostrato da subito grande fiducia nelle libere, complice anche il lavoro svolto nei testi.
“Nei test abbiamo svolto un tipo di lavoro diverso, concentrandoci su un assetto differente. Qua siamo ripartiti da un’altra base e le sensazioni si sono rivelate incoraggianti”.

L’ultima battuta è per Redding e un eventuale aiuto in vista della gara di domani.
“Questa è solo la terza gara del Mondiale e il campionato è lungo. Se a fine stagione non dovessi più essere in lotta per il Mondiale, sarei pronto a dargli una mano. Ma come detto questa è solo la terza gara, sono in gioco per il titolo e io farò la mia strada”

Articoli che potrebbero interessarti