Tu sei qui

Morbidelli: "La MotoGP non è una scienza esatta, a volte serve alchimia"

"Ho seguito la strategia di Forcada, con poco grip fatichiamo meno rispetto agli altri. Mi vedete moscio? Non sono molto allegro, ma non è nulla di grave"

MotoGP: Morbidelli: "La MotoGP non è una scienza esatta, a volte serve alchimia"

Share


Appare spento e con poca voglia di parlare. Non è il Franco Morbidelli che siamo soliti a conoscere, ovvero quello sorridente e col suo mood brasiliano a dir poco travolgente. Gliel’hanno fatto notare due giornaliste durante la sua conferenza stampa di fine giornata e il pilota di Petronas non è riuscito a nasconderlo: “voi ragazze riuscite a catturare ogni sfumatura del mio carattere, vorrei avervi a casa mia - ha sorriso - Magari sono un po’ moscio, non sono in un periodo di massima allegria, ma nulla di grave”.

L’attenzione si sposta poi sulla pista. Al termine del venerdì il romano di Tavullia è secondo a soli 21 millesimi dalla Ducati di Zarco.

“Anche se non significa nulla, penso sia il miglior venerdì di quest’anno – ha detto - Oggi ho seguito le indicazioni di Ramon e la sua è stata una bella strategia, dato che alla fine ha dato i suoi frutti”.  

L’inizio è senza dubbio incoraggiante, anche se Franco preferisce rimanere coi piedi a terra.
“Quando un pilota guida in una pista che gli piace, solitamente va più veloce. Qua a Barcellona c’è poco grip e in queste condizioni siamo messi meno peggio rispetto agli altri. Penso ad esempio anche ad altre piste come Brno, Aragon e Valencia. Sembra infatti che con poco grip facciamo meno fatica e mi auguro sia un vantaggio in vista del fine settimana”.

In Spagna l’alfiere Petronas vuole quindi voltare pagina e ripartire dopo un weekend del Mugello a dir poco agrodolce.
“Mugello e Barcellona sono molto simili, però la scorsa settimana perdevo moltissimo sul dritto, soprattutto in confronto alle altre Yamaha, mentre qua la situazione è diversa, tanto che sono addirittura vicino al loro livello. Nelle moto certe cose fai fatica a spiegartele, il motociclismo non è una scienza esatta. Dobbiamo comunque dire che oggi è soltanto venerdì e dobbiamo aspettare, anche se  la situazione oggi è migliore. Talvolta serve anche trovare quell’alchimia che in alcuni casi non scatta”.

Articoli che potrebbero interessarti