Tu sei qui

MotoGP, Alex Marquez: Marc tornerà quello di prima, farà ancora i suoi miracoli

"Marc è stato onesto al cento per cento con se stesso e con tutti. Gli manca una parte fisica e ha qualche disagio che gli impedisce di essere al cento per cento. Sta soffrendo. Ma farà ancora i suoi 'salvataggi'"

MotoGP: Alex Marquez: Marc tornerà quello di prima, farà ancora i suoi miracoli

Share


Non è solo Marc Marquez ad affrontare una stagione difficile, anche il fratello Alex, spostato nel team LCR, non è da meno.
Al Mugello il due volte campione del mondo ha chiuso il Gran Premio in 14esima posizione, a 29 secondi dal vincitore.
Marca gli ha chiesto se essere in un team satellite lo sta aiutando a gestire la pressione di guidare una Honda.

“Alla fine la pressione è sempre la stessa - ha risposto - Sto cercando di fare le cose bene e di migliorare ogni giorno. È chiaro che non sono al meglio al momento, non credo di dare il meglio di me nello sport, quindi speriamo di poter iniziare a ribaltare la situazione a Montmeló, dove ho avuto un ottimo feeling l'anno scorso. A causa del mio stile di guida, penso che possa essere un buon circuito. Dovremo iniziare con molta intensità da venerdì mattina, molto concentrati e con le cose molto chiare. Dobbiamo continuare a spingere. Sono testardo, penso che sia il modo migliore per aggiungere in situazioni come questa, cercherò di ribaltare la situazione”.

Interrogato sulla gestione del dopo-incidente al giovane Jason Dupasquier Alex Marquez si è espresso con sincerità.

Ho visto un sacco di piloti critici in questo senso. In altre occasioni, almeno ci è stato chiesto. Puoi chiedere ai capi della squadra cosa ne pensiamo. Qui, almeno per me, non c'è stato quel momento. È stata dura. Forse non è stato gestito nel modo migliore, ma questo è tutto. La gara era finita. Abbiamo finito come abbiamo finito e non si può andare avanti e indietro. Correre per Jason è stata forse la cosa migliore che potessimo fare”.

Ovviamente la domanda più importante è arrivata per ultima: potrà il fratello maggiore tornare quello di sempre? Al momento entrambi non sono al top.

“Entrambi sappiamo perfettamente la situazione in cui ci troviamo. Ma non possiamo essere gli psicologi dell'altro, no. Ognuno di noi sta cercando di migliorare nel miglior modo possibile, di fare del proprio meglio per andare avanti in questa situazione. Dobbiamo trarne cose positive e a entrambi piace farlo. Sì, ci sono problemi tecnici e dobbiamo migliorare in quell'aspetto, ma io, personalmente, devo anche migliorare la mia guida e in alcuni punti per ottenere qualcosa di più.  L’anno scorso, quando ero un po' solo nel box Repsol Honda, è stato ancora più difficile e sono stato in grado di uscirne. C'è ancora una lunga stagione davanti e dobbiamo essere positivi. Al Mugello, Marc è stato onesto al cento per cento con se stesso e con tutti. Gli manca una parte fisica e ha qualche disagio che gli impedisce di essere al cento per cento. Sta soffrendo. La Honda, come sappiamo, è una moto molto fisica. Quando non puoi spingere tanto quanto devi spingere, è una moto dove ci sono molti problemi, diventa più difficile. Non ho dubbi che vedremo il Marc di un tempo quando si sarà ripreso al cento per cento. Tornerà ad essere quel Marc dei salvataggi, che ha fatto quello che voleva con la moto. Non c'è nemmeno bisogno di farsi prendere dal panico. Dobbiamo sistemare il lato fisico e lui ha bisogno di tempo. Quell'istinto vincente che ha gli ha fatto fare qualche piccolo errore, perché non è fisicamente in forma, ma per tutti alla Honda è un grande aiuto che lui sia qui”.

Articoli che potrebbero interessarti