Tu sei qui

MotoGP, Aleix Espargarò: "Mi hanno tolto una lattina di liquido dal braccio"

"Sentivo tanto dolore, riuscivo a fare solo 3  giri, domani cercherò di limitare i danni. Un piacere avere Dovizioso nel box, per me è come un idolo"

MotoGP: Aleix Espargarò: "Mi hanno tolto una lattina di liquido dal braccio"

Share


Aleix Espargarò ha dovuto affrontare come molti altri piloti un intervento chirurgico per risolvere il problema della sindrome compartimentale. Purtroppo, un’operazione del genere nel bel mezzo della stagione può creare qualche guaio ed è quello che è successo oggi al Mugello.

Ero molto fiducioso dopo l’operazione, perché stavo bene, ma questa mattina ho iniziato a sentire molto dolore, avevo molto liquido nel braccio e la quantità è aumentata nel pomeriggio - ha spiegato il pilota di Aprilia - Sono andato in Clinica Mobile e me ne hanno drenato praticamente una lattina, è molto. Subito dopo il dolore è scomparso, ma mi hanno detto che domani potrebbe ripresentarsi il problema, essendo passati solo 10 giorni dall’operazione ed essendo questo un circuito molto impegnativo. Non è però semplice rimuoverlo ogni giorno, perché si rischiano delle infezioni.

Aleix sa che dovrà stringere i denti.

Domani cercherò di limitare i danni, non farò molti giri - il piano - Oggi mi sono sentito competitivo, ma ho sofferto con il braccio più di quanto mi aspettassi. Non potevo fare più di 3 giri a causa del dolore, perché il liquido crea pressione sui muscoli”.

Nonostante la condizione fisica non ottimale, Espargarò ha chiuso la giornata con l’8° tempo.

Sono molto motivato, non sono mai stato così veloce al Mugello. Sono molto positivo, in moto mi sento meglio che a Le Mans e penso potremo fare una bella gara qui ha assicurato.

Oggi, inoltre, ha potuto anche sfruttare la presenza di Dovizioso nel box.

È bello avere un pilota come Andrea qui, ogni volta è sempre più dentro al nostro team. Ha assistito alla mia riunione tecnica e ci siamo scambiati opinioni per circa un’ora - ha rivelato - Per me è come un idolo perché l’ho sempre ammirato molto per la sua intelligenza e il suo approccio alla gara. Il fatto che lavori con noi è un piacere e penso di potere imparare molto da lui. Sfortunatamente ama il cross come io le bici e non sarà qui domani”.

L’ultimo commento è stato sui piloti che hanno aspettato la scia.

Stavo spingendo e ho visto 4 o 5 piloti che chiudevano il gas, c’erano le telecamere e non ho molto altro da dire. Sicuramente hanno sbagliato” ha chiosato.

Articoli che potrebbero interessarti