Tu sei qui

MotoGP, Marquez: "Rossi? Non sono fatto per correre per la 15^ posizione"

"Il suo approccio è ammirevole, ma abbiamo mentalità diverse. L’infortunio? Se sono qua è perché tornerò il vero Marquez. Morbidelli? Se Yamaha non lo mette nel team ufficiale, Suzuki, Honda e Ducati faranno in modo di prenderlo"

MotoGP: Marquez: "Rossi? Non sono fatto per correre per la 15^ posizione"

Share


Il Motomondiale arriva in Italia e per l’occasione Marc Marquez ha concesso una lunga intervista ai colleghi di Sky Sport. Lo spagnolo ha toccato diversi temi nell’intervista che andrà in onda alle ore 18:30 sulla pay-tv satellitare.

Uno dei temi è stato senza dubbio l’infortunio: “A ottobre e novembre sentivo che qualcosa non andava, dato che la frattura si muoveva. Mangiavo a casa, prendevo la forchetta e il braccio si muoveva. Mi dicevo che qualcosa non andava, ho fatto tanti consulti ed esami ma apparentemente era tutto a posto. Così ho deciso di aspettare, sapendo che avrei perso l’inizio del mondiale ma è stata la scelta migliore".

In questi mesi però il 93 non si è mai abbattuto: "Io penso ottimisticamente che dopo la pausa estiva, in Austria, girerò come voglio io. Ora mi mancano forza e resistenza ma quando tutto si metterà a posto il mio stile di guida migliorerà e i tempi si abbasseranno. Se sono qua è perché so che tornerò il vero Marc”.

Non manca poi una battuta in merito a Rossi: Il suo approccio è ammirevole, dopo tutto quello che ha fatto, ha ancora voglia di correre ma abbiamo mentalità diverse. Quando non potrò più vincere e lottare per le vittorie, mi fermerò. Non sono fatto per correre per la 15^ posizione”.

Oltre al Dottore, l’attenzione si è poi spostata su Joan Mir: "Vincere è difficile ma confermarsi è di più. Quest’anno Quartararo, Bagnaia e Rins stanno andando più forte di lui. Mir sta facendo la strategia dell’anno scorso, provare a finire tute le gare, ma finendo tutte le gare, vinci il mondiale una volta, non tante volte".

Infine non manca una considerazione su Franco Morbidelli: “L'anno scorso è stata la prima Yamaha, se fossi la Yamaha gli darei tutto ufficiale. Morbidelli è un pilota factory, se non lo prenderà la Yamaha, lo prenderà la Suzuki, la Honda o la Ducati ma è un pilota factory".

Articoli che potrebbero interessarti