Tu sei qui

SBK, Ducati all’attacco ad Aragon: 1° Chaz Davies, 3° Scott Redding

In mezzo a Chaz e Scott si inserisce la Kawasaki di Rea, mentre 4° Bautista seguito da Haslam, Lowes e Rinaldi, 8° Razgatliogu, il migliore della combinata al venerdì

SBK: Ducati all’attacco ad Aragon: 1° Chaz Davies, 3° Scott Redding

Share


Termina ora la sessione della Superbike con Chaz Davies il migliore del gruppo grazie al crono di 1’50”400. L’alfiere Go Eleven chiude al comando la FP2, precedendo di 290 millesimi la Kawasaki di Rea, mentre terzo Scott Redding, con la Ducati ufficiale del team Aruba.

Se Davies si prende il turno del pomeriggio, il migliore della giornata è Toprak Razgatlioglu, che fa valere il proprio tempo siglato al mattino. Nella FP2 il turco non è riuscito ad andare oltre l’ottavo crono, preceduto dalla Ducati di Rinaldi.

Nei piani alti da registrare il quarto e quinto posto ottenuto al pomeriggio da parte delle Honda di Bautista e Haslam, mentre sesto Lowes. Decimo Gerloff seguito da Locatelli, 16° Rabat, poi van der Mark.

Di seguito la classifica della FP2 e la combinata.  

15:58 Scott Redding continua a lavoare sul passo gara, girando sull'1'50" alto. In pista c'è anche Tom Sykes, attualmente 13° con oltre un secondo e mezzo di ritardo. 

15:55 Entriamo ora negli ultimi 5 minutin di sessione ad Aragon con Davies sempre al comando. Rispetto al crono siglato al mattino da Razgatlioglu, il gallese è circa mezzo secondo più lento.

15:52 Scott Redding porta la sua Ducati nei piani alti grazie al crono di 1'50"780. Il britannico accusa 380 millesimi dal suo ex compagno, meno 90 millesimi da Rea che lo precede.

15:50 Entriamo ora negli ultimi 10 minuti di questa FP2 ad Aragon con la Ducati Go Eleven di Davies a comandare la scena. 

15:47 Davies lancia l'assalto, prendendosi la vetta in 1'50"400. Il gallese guida la classifica seguito da Rea.

15:45 Manca un quarto d'ora esatto al termine di questa FP2 con Rea al comando. Ecco di seguito la classifica momentanea del turno. 

15:40 Dando invece uno sguardo alla top speed, il più veloce è Alvaro Bautista con una punta di 309 km/h. Nel frattempo la temperatura sale a 28 gradi. 

15:37 In questo momento i piloti stanno lavorando sul passo, tanto che nessuno sta migliorando i propri crono. Rea e Bautista sono separati da 124 millesimi, 16° invece Tito Rabat. In fondo al gruppo troviamo poi Cavalieri e Cresson.

15:35 Al momento in quarta posizione compare Alex Lowes, mentre Rinaldi è salito in sesta posizione a meno di mezzo secondo dal riferimento di Rea

15:30 Haslam porta la Honda in terza posizione seguito dalla Ducati di Davies, poi la Kawasaki di Lowes. Fermo ancora i box van der Mark, così come Laverty, che non ha compiuto un solo giro. Non Razgatlioglu, decimo Vinales, poi Nozane. 

15:27 Ci siamo! Riparte ora la sessione dopo che l'airfence distrutto dalla moto di van der Mark è stato sostituito.  

15:15 La sessione è ferma per risolvere il problema all'airfence, a seguito dell'impatto con la moto di van der Mark. Quando mancano 35 minuti al termine, ecco la classifica.

15:09 Primo colpo di scena con van der Mark che lancia contro gli airfence la propria BMW. A quanto pare, il pilota olandese ha avuto un problema, dovendo lasciare la M 1000 RR.  Leggi QUI cosa è successo. Immediata l'esposizione della bandiera rossa.

15:04 Rea si miglior arrivando sull'1'50"690. Occhio a Axel Bassani, che diventa quarto a seguito da Redding e Davies, poi Razgatlioglu.

15:02 Rea e la Kawasaki balzano al comano in 1'50"802, seguito a 362 millesimi da Bautista, mentre terzo Alex Lowes.

15:01 Eugene Laverty con la BMW è il primo pilota a scendere in pista nella FP2 del pomeriggio. Dietro di lui Rea e Haslam. 

15:00 Ci siamo! Inizia ora la FP2 ad Aragon

14:45 Tra 15 minuti scatterà la seconda sessione di libere al Motorland. Piloti già nei box in attesa di scendere in pista.

Ben ritrovati ad Aragon, dove alle 14:55 si alzerà il sipario sulla FP2 della Superbike. Al momento ci sono 46 gradi sull'asfalto, mentre 27 nell'aria. Ricordiamo che al mattino ci ha pensato Toprak Razgatlioglu con la Yamaha a mettere tutti in riga, grazie al crono di 1'49"952. Il turco è stato l'unico a scendere sotto il muro dell'1'50", seguito dalla Ducati di Chaz Davies. 

Chiamati invece a rincorrere Johnny Rea e Scott Redding, entrambi impegnati a lavorare sul passo con la SC0. Il Cannibale si è fermato al sesto posto, mentre il britannico ha conquistato l'undicesima posizione. 

Di seguito ecco i crono della FP1.

Articoli che potrebbero interessarti