Tu sei qui

Benzina dall’aria e dall’acqua? In Cile... è possibile, con Haru Oni!

Nel Paese del Sud America il primo impianto dedicato alla e-benzina. Si inizierà nel 2022

Auto - News: Benzina dall’aria e dall’acqua? In Cile... è possibile, con Haru Oni!

Share


Pochi mesi fa abbiamo parlato di Porsche e della benzina sintetica. Qualcosa si sta dunque muovendo, e la conferma è arrivata poco dopo anche da Ducati. Oggi arriva qualcosa di interessante: il Cile ospiterà il primo impianto per la realizzazione di un carburante ecologico, la e-benzina. L'impianto inizierà nel 2022 a produrre questo carburante che sarà prodotto con acqua e anidride carbonica prese dell’atmosfera. Naturalmente, tutto ciò che sarà legato alla produzione, sarà realizzato sfruttando energie rinnovabili, così da risultare il più green possibile.

Haru Oni, proprio come la verde...

La e-benzina, sarà utilizzabile per i normali motori endotermici ed inoltre non produrrà effetto serra, ovvero gas inquinanti per la nostra povera atmosfera, né emetterà sostanze inquinanti, tipiche dei carburanti fossili utilizzati al momento. Tutto questo avverrà in Patagonia, con il progetto che ha il nome di "Haru Oni". I partner sono la società petrolifera Enap, l'elettrica cilena Ame, l’italiana Enel e la tedesca Siemens. Indovinate chi è poi coinvolto? Porsche! Già, a quanto pare è l'evoluzione finale di quanto avrete già letto in apertura.

Ecologica e sintetica, vedrà la sua produzione a partire dall’idrogeno verde che deriva dall’elettrolisi dell’acqua. Parliamo dunque della scissione in idrogeno e ossigeno. Come detto, anche la produzione sarà "green", poiché l’energia utilizzata dal progetto sarà eolica. L’anidride carbonica sarà raccolta direttamente dall’atmosfera, per poi essere combinata con l’idrogeno verde. Così, si produrrà del metanolo, per poi essere convertito in carburante. A detta degli ingegneri, si produrrà una quantità di CO2 uguale a quella "tolta" dall’atmosfera per la produzione. Niente emissioni di ossido di zolfo e biossido di azoto dunque. Centrale è anche il ruolo del Governo tedesco, che sta co-finanziando l'iniziativa con 8 milioni di euro.

Articoli che potrebbero interessarti