Tu sei qui

Marini: "Quando Valentino smetterà si prenderà una pausa dalla MotoGP"

"Verrà più sporadicamente. È difficile capire quale ruolo vorrà avere in questa avventura del team. Le Mans?  Penso che facendo più giri sul bagnato potrei aumentare la confidenza ed essere veloce, oggi mi sono divertito

MotoGP: Marini: "Quando Valentino smetterà si prenderà una pausa dalla MotoGP"

Share


Prima volta con una MotoGP sul bagnato pe Luca Marini che ha concluso la giornata con il 21° tempo, in 1’34’’147. L’italiano si è dichiarato soddisfatto e divertito al termine di due sessioni che sono partite per lui da un foglio bianco. Domani sarà difficile migliorare prima delle qualifiche ma l’obiettivo per il numero 10 è aumentare la confidenza su pista bagnata.

Oggi è stato interessante sul bagnato, sono contento per le gomme – ha esordito Luca – Mi sono divertito molto anche perché non era troppo bagnato l’asfalto. Penso che facendo più giri possibili in queste condizioni potrei trovare la giusta confidenza con la moto ed essere veloce. La Ducati va bene sul bagnato. Spero che domani ci sia un’altra sessione in condizioni simili, potrebbe essere interessante continuare a lavorare in questo modo, soprattutto per me”.

Altri piloti hanno detto di essersi trovati in difficoltà con le gomme dopo tre giri a causa delle temperature rigide.
“Sì, è vero. C’era molto vento e non ha aiutato. Se domani non dovesse piovere mi concentrerei a lavorare nel primo settore perché è quello in cui perdo di più”.

In questi giorni si sta decidendo il destino della tua squadra, con Valentino ne state parlando?
“Mi hanno solo accennato a che punto sono, non sono entrati nel dettaglio”.

A che punto sono?
“Lo diranno loro. Secondo me devo bisogna fare i complimenti a Vale, tutti sanno quello che ha fatto, e che sta facendo, anche riuscire a creare un team in MotoGP è una gran cosa”.

Quando dirà addio alla MotoGP pensi che verrà a tutte le gare? O te lo immagini come un capo che guarda da lontano?
“Non lo so, penso che vorrà prendersi anche una pausa quando smetterà. Più di venti anni nel paddock, penso che uno o due anni di stop se li prenderà, verrà più sporadicamente. È difficile capire quale ruolo vorrà avere in questa avventura. Adesso il rappresentante a capo della squadra è Uccio, in Moto2 il punto di riferimento è stato lui o Pablo (Nieto, ndr). Penso che il ruolo di ‘capo’ lo ricopriranno loro”.

Articoli che potrebbero interessarti