Tu sei qui

La telecamera di parcheggio: caratteristiche principali

L’obiettivo è compensare ai punti ciechi che la visuale degli specchietti non copre mostrando l’intera vista posteriore e tutti gli ostacoli presenti. Sistemi cablati o wireless

News: La telecamera di parcheggio: caratteristiche principali

Share


La retrocamera, chiamata anche telecamera di parcheggio, telecamera posteriore o telecamera di retromarcia, è un sistema di ausilio al parcheggio costituito da una videocamera posizionata sul retro dei veicoli, principalmente automobili e furgoni, che trasmette l’immagine degli ostacoli dietro al veicolo ad un display posto sulla plancia. Questo sistema può funzionare in autonomia o in sinergia coi sensori di parcheggio e può essere un optional previsto dal costruttore o montato in seguito acquistando un articolo aftermarket.

Come si usa?
Per sfruttarla basta semplicemente guardare l’immagine trasmessa sul display mentre si fa retromarcia. A seconda dei modelli e della complessità del sistema l’immagine mostrata può essere leggermente diversa. I modelli più evoluti, in genere montati direttamente dal costruttore mostrano un modello 3D dell’auto che viene proiettato nell’immagine raccolta dalla telecamera o dalle telecamere se sono più di una. I modelli classici invece mostrano una proiezione degli ingombri dell’auto, ovvero mostrano tramite un disegno (la sagoma dell’auto) lo spazio che l’auto andrà ad occupare procedendo a retromarcia.

In ogni caso l’obiettivo è compensare ai punti ciechi che la visuale degli specchietti non copre mostrando l’intera vista posteriore e tutti gli ostacoli presenti.

Quale modello di retrocamera scegliere? Cosa bisogna controllare?
I modelli aftermarket sono quasi tutti della tipologia classica, a una sola camera; quello che differisce sono le specifiche tecniche e il metodo d’installazione.


Illustrazione della telecamera di retromarcia prese da www.autoparti.it

I metodi d’installazione sono sostanzialmente 2:

    •    Sistema cablato: è di più complessa installazione ma garantisce la massima resa;
    •    Sistema wireless: non richiede grossi sforzi per l’installazione ma la qualità dell’immagine e la velocità di trasmissione della stessa sono inferiori.

 Le specifiche da tenere d’occhio sono diverse, tra cui quelle elencate nell’immagine. Per lo più sono gli stessi parametri che si valutano all’acquisto di una fotocamera o videocamera, anche se hanno una rilevanza un po’ diversa; I principali sono:

    •    Risoluzione dell’immagine: una risoluzione elevata è sicuramente da preferire, ma non serve un 4k o 8k, non serve troppo dettaglio. Una camera full HD (1920x1080) ha una risoluzione più che ottima, una camera HD (1280x720) è molto buona, ma anche risoluzioni più basse come 640x480 sono spesso più che sufficienti;
    •    Visione notturna: esiste in varie tipologie ed è essenziale per parcheggiare con scarsa luce;
    •    Angolo di visuale: più l’immagine è grandangolare e meglio si vedranno gli ostacoli laterali;
    •    Impermeabilità e temperature: tutte le camere sono resistenti ad acqua e temperature, ma con standard differenti, quindi scegliete in base alle vostre necessità e condizioni di guida;
    •    Trasmissione del segnale. I modelli cablati esistono con matrice CMOS oppure CCD, che è di qualità superiore.
 

Articoli che potrebbero interessarti