Tu sei qui

MotoGP, Carlo Pernat: Jerez rossa e azzurra con Miller, Bagnaia e Morbidelli sul podio

VIDEO Il manager genovese riassume il GP di Spagna sottolineando la crescita di Ducati ed Aprilia, e i problemi fisici diversi di Quartararo e Marquez

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Il secondo Gran Premio Europeo, dopo la doppietta di Losail, in Qatar, ed il Gran Premio del Portogallo ha confermatoalcuni dei valori in campo, ma ha anche rivelato alcune sorprese.

La prima è stato l'inatteso calo di Fabio Quartararo che dopo aver dominato all'inizio della gara si è dovuto arrendere ad un nuovo attacco della sindrome compartimentale che lo ha fatto precipitare addirittura in 13esima posizione, lasciando via libera alla coppia Ducati Miller-Bagnaia.

A Jerez si è rivisto anche il miglior Morbidelli che con la sua Yamaha M1 del 2019 non si è fatto sfuggire il podio. Podio che invece è ancora solo un miraggio per due dei piloti più attesi: Marc Marquez, solo 9° e Valentino Rossi, addirittura fuori dai punti. Se per lo spagnolo si tratta di riguadagnare la forma fisica, per l'italiano è imperativo fermare questa spirale discendente. Una spirale in cui è avviluppata anche la Honda che, pur quarta con Nakagami (alla guida della RC213-V con telaio 2020) fatica visibilmente con tutti i suoi altri piloti.

Seguiteci sul nostro canale YOUTUBE e cliccate sulla campanellina per non perdervi i numerosi video e aggiornamenti!

 

Articoli che potrebbero interessarti